Festeggiare compleanni, feste ed eventi pubblici a scuola: scarica un esempio di Protocollo-Regolamento

WhatsApp
Telegram

È prassi in molti istituti scolastici -in maniera particolare nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria- festeggiare durante la ricreazione compleanni di alunni o festività. Come giustamente però sottolineano molti Dirigenti scolastici “l’alimentazione nella scuola implichi da una parte la qualità nutrizionale degli alimenti, dall’altra le problematiche connesse ai soggetti interni e/o esterni alla scuola che dovranno prendere tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza e la salubrità dei prodotti alimentari, dalla raccolta fino alla somministrazione agli alunni consumatori” come ha decisamente affermato il Dirigente Scolastico Ing. Gianfranco Maletta alla guida dell’Istituto Omnicomprensivo “Polo Arbëresh Lungro: I.C. Frascineto – Iis (Ipsia, Ls E Serale) Lungro”. Secondo la normativa della Comunità Europea (regolamento C.E. n. 852/2004 del 29/04/2004) non è consentita, infatti, la distribuzione a scuola, per uso collettivo, di alimenti confezionati in casa. Nonostante ciò, però, ormai è abitudine all’interno degli edifici scolastici (in particolare nelle palestre o, dove esistono, nelle sale mensa) organizzare manifestazioni che coinvolgono alunni e genitori. Cosa fare? Come comportarsi? Il tema era stato trattato, qualche anno fa, alla luce delle limitazioni imposte dal Covid-19 ma, oggi, la questione deve tornare ad essere dibattuta e affrontata.

Il DS e l’attivazione di una specifica procedura utile per la corretta gestione di queste attività particolari

La destinazione d’uso dei locali degli istituti scolastici rende particolare la gestione di tali eventi, obbligando il dirigente scolastico all’attivazione di una specifica procedura utile per la corretta gestione di queste attività particolari. Tra queste manifestazioni – affermava, a titolo esemplificativo, solo qualche anno fa il Dirigente Scolastico Prof.ssa Maria Ricciardello, alla guida, nel 2018 dell’Istituto comprensivo di scuola dell’infanzia, primaria e Secondaria di i grado di Brolo (Me) di cui si allega “Protocollo per l’esecuzione di feste scolastiche ed eventi pubblici” – si possono annoverare diverse tipologie:

  • feste di Natale e di fine anno scolastico, spettacoli, conferenze;
  • attività di accoglienza di alunni di altri ordini di scuola;
  • altre tipologie di manifestazioni potrebbero essere gestite con la medesima procedura per estensione o adattamento.

La normativa vigente

La normativa applicabile è precisamente quella prevista per le attività scolastiche e in particolare il:

  • D.Lgs. 81/2008 – Miglioramento della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • D.M. 26 agosto 1992 – Prevenzione incendi per l’edilizia scolastica;
  • D.P.R. 12 gennaio 1998, n. 37 – Disciplina dei procedimenti di prevenzione incendi;
  • D.M. 15 agosto 1991, n. 277 – Protezione dagli agenti fisici, chimici e biologici;
  • D.M. 37/08 – Sicurezza degli impianti;
  • DM 21 giugno 1995, n. 292 – Individuazione del datore di lavoro nella scuola;
  • DM 382/98 – Linee guida per l’applicazione delle norme si sicurezza nella scuola

oltre al già citato:

  • Regolamento C.E. n. 852/2004 del 29/04/2004.

Il valore educativo dei momenti di festa associati al consumo collettivo di cibo

Riconosciuto il valore educativo dei momenti di festa associati al consumo collettivo di cibo, si autorizzano festeggiamenti, durante le ricreazioni, dei compleanni degli alunni frequentanti la scuola dell’infanzia/primaria a richiesta dei genitori, o di particolari festività nell’Istituto, previa osservanza e rispetto delle seguenti modalità poste a tutela e salvaguardia della salute e del benessere collettivo degli alunni e della responsabilità dell’Istituto Scolastico:

  • È consentito portare in sezione/classe soltanto alimenti imbustati presso pubblici esercizi e corredata dall’elenco degli ingredienti utilizzati e dallo scontrino fiscale, in modo da rendere visibile la tracciabilità;
  • Saerebbe opportuno, prima di portare gli alimenti, verificare la presenza in sezione/classe di bambini con eventuali intolleranze alimentari, in modo da distribuire soltanto alimenti idonei;
  • È necessario che i genitori dell’alunno festeggiato avvisino in tempo utile gli insegnanti, in modo da permettere il regolare svolgimento delle attività;
  • È severamente vietato l’ingresso dei genitori. Si sottolinea che è compito dei docenti e del personale tutto vigilare per assicurare il rispetto di quanto sopra disposto.

Gli impegni dei docenti

I docenti di sezione/classe dovranno impegnarsi a:

  • utilizzare il momento dedicato alla festa per consolidare i rapporti tra i pari e la socializzazione tra i propri alunni, assicurando una ricaduta didattica al momento ludico – ricreativo;
  • controllare che dalla documentazione presentata relativa agli alimenti non emergano allergie o intolleranze certificate/comunicate all’interno della sezione/classe;
  • controllare personalmente che gli alimenti introdotti non siano confezionati domiciliarmente ma da aziende preposte al confezionamento, ovvero siano di provenienza tracciabile”.

Un clima di serenità e di festa

Come asserisce il Dirigente Scolastico Ing. Gianfranco Maletta alla guida dell’Istituto Omnicomprensivo “Polo Arbëresh Lungro: I.C. Frascineto – Iis (Ipsia, Ls E Serale) Lungro” “siamo convinti tutti che tutte le iniziative potranno solo contribuire, in un clima di serenità e di festa, a ricordare un giorno speciale con la partecipazione gioiosa da parte di tutti”. Elementi formativi ed educativi imprescindibili.

Protocollo-per-lesecuzione-di-feste-scolastiche-ed-eventi-pubblici

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri