Feste civili, una petizione per salvarle

di redazione
ipsef

red – Come noto, nella manovra bis sono contenute indicazioni per modificare il calendario delle ricorrenze civili. La CGIL avvia una petizione per salvarle.

red – Come noto, nella manovra bis sono contenute indicazioni per modificare il calendario delle ricorrenze civili. La CGIL avvia una petizione per salvarle.

Il testo del decreto contenente la manovra bis recita: "A decorrere dall’anno 2012 con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, da emanare entro il 30 novembre dell’anno precedente, sono stabilite annualmente le date in cui ricorrono le festività introdotte con legge dello Stato non conseguente ad accordi con la Santa Sede, nonchè le celebrazioni nazionali e le festività dei Santi Patroni in modo tale che, sulla base della più diffusa prassi europea, le stesse cadano il venerdì precedente ovvero il lunedì seguente la prima domenica immediatamente successiva ovvero coincidano con tale domenica".

Un testo che ha dato adito a diverse interpretazioni. Di fatto delega la decisione ad un decreto che di volta in volta, festa per festa, indichi se deve essere avvicinate al venerdì precedente o lunedì seguente la domenica successiva o fatta assimilare alla domenica stessa.

Una modifica che non è andata giù a molti lavoratori e che ha fatto mobilitare la CGIL che ha improntato una petizione perchè "nessuno cambi data a giornate che parlano all’identità ed ai valori laici del nostro Paese".

Linkiamo, per chi interessato, la pagina della petizione

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione