Festa di fine Ramadan a scuola, Giannelli (ANP): “Si tratta di una questione tecnica, che rientra pienamente nell’autonomia scolastica”

WhatsApp
Telegram

Scuola chiusa per la fine del Ramadan a Pioltello: la decisione del dirigente scolastico scatena un acceso dibattito, con toni che spesso sfociano nella polemica politica.

Interviene Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi, invitando a non strumentalizzare la vicenda: “Si tratta di una questione tecnica, che rientra pienamente nell’autonomia scolastica“.

Autonomia, parola chiave: “Ogni scuola ha la facoltà di adattare il calendario scolastico entro limiti minimi, due o tre giorni all’anno”, spiega Giannelli. “L’obiettivo è proprio quello di rispondere alle esigenze specifiche del proprio territorio e della propria comunità scolastica“.

Il caso di Pioltello: il dirigente scolastico ha motivato la scelta di chiudere la scuola in concomitanza con la fine del Ramadan facendo riferimento all’alta percentuale di alunni di fede musulmana (circa il 50%). “Una scelta che si configura come un ragionevole adattamento alle specificità del contesto”, sottolinea Giannelli.

Non c’è spazio per le polemiche: “L’autonomia scolastica è un principio sancito dalla Costituzione”, ribadisce il presidente dell’ANP. “Politicizzare una decisione di questo tipo, che rientra pienamente nelle prerogative degli istituti scolastici, non solo è controproducente, ma rischia di alimentare inutili strumentalizzazioni”.

L’invito di Giannelli è a concentrarsi sul merito della questione: “L’obiettivo primario deve essere quello di garantire il diritto all’istruzione di tutti gli studenti, nel rispetto delle diverse culture e religioni”.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00