Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Ferie ATA di ruolo supplente in altro profilo fino al 30 giugno con art. 59: quanti giorni spettano

Stampa

Ferie personale ATA di ruolo che nell’anno scolastico 2020/21 ha accettato supplenza su altro profilo fino al 30 giugno e che si appresta a rientrare sul proprio posto.

vorrei dei chiarimenti in merito al calcolo  delle ferie per il personale  di ruolo, ma supplente in  altro profilo.

Nel mio caso sono un collaboratore scolastico dal 2011, e quest’anno per la prima volta ho accettato una supplenza come assistente amministrativo. Mi sono state date informazioni discordanti sul totale dei giorni spettanti , quindi  volevo avere un chiarimento in merito. Ringraziandola porgo cordiali saluti

di Giovanni Calandrino – con l’accettazione dell’incarico annuale su altro profilo ai sensi dell’art. 59 del CCNL/2007, il dipendente a tempo indeterminato assume lo status di personale assunto a tempo determinato, così come ribadisce il riferimento normativo:

  1. Il personale ATA può accettare, nell’ambito del comparto scuola, contratti a tempo determinato di durata non inferiore ad un anno, mantenendo senza assegni, complessivamente per tre anni, la titolarità della sede.
  2. L’accettazione dell’incarico comporta l’applicazione della relativa disciplina prevista dal presente CCNL per il personale assunto a tempo determinato, fatti salvi i diritti sindacali.

Ma nulla cambia sulla maturazione delle ferie spettanti.

Alcune importanti precisazioni:

Le ferie maturate durante la supplenza ai sensi dell’art. 59 possono essere fruite nella scuola di titolarità, Circolare n. 395/2009:

Si comunica a tutte le Istituzioni Scolastiche che, per il personale con contratto a tempo indeterminato che accetta un incarico a tempo determinato ai sensi dell’art. 59 del C.C.N.L.2006/2009, non è previsto da alcuna disposizione di legge o contrattuale il pagamento delle ferie non godute, le quali devono essere concesse o disposte (se non fruite durante il corso dell’anno), al rientro nella sede di titolarità.

Si richiama in merito, in particolare il C.C.N.L. 2006/2009 Comparto scuola – art. 13, c. 8 (le ferie sono un diritto irrinunciabile e non sono monetizzabili…).

È inoltre appena il caso di ricordare che il diritto a ferie annuali retribuite è costituzionalmente garantito dall’art. 36, c. 3: “Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi”.

Si specifica inoltre che il C.C.N.L. 2006/2009 Comparto scuola – art. 13, c. 15 – prevede il pagamento sostitutivo delle ferie, per il personale a tempo indeterminato e determinato, all’atto della cessazione del rapporto di lavoro: il personale destinatario dell’art. 59, al termine del contratto a tempo determinato, non cessa dal rapporto di lavoro, rientrando nella sede di titolarità per proseguire il servizio a tempo indeterminato.

Per i motivi sopra espressi si fa presente che questo Ufficio, nel caso pervengano provvedimenti da parte di codeste I.I.S.S. di pagamento sostitutivo ferie non godute (inerenti l’anno 2008/2009) del personale di cui all’art. 59 C.C.N.L. 2006/2009 Comparto scuola, non provvederà alla loro registrazione. Si invitano pertanto i signori Dirigenti delle scuole di titolarità a concedere o disporre le ferie entro il 31/8/2009.

A tal proposito anche l’ARAN ha fornito un suo “Orientamento applicativo”:

Si precisa che il parere sulla legalità del decreto di liquidazione delle ferie maturate e non godute esula dai compiti di questa Agenzia che può, invece, formulare orientamenti riguardanti le clausole contrattuali.

Nel caso specifico l’ art. 59 del CCNL 2006/2009 consente al personale ATA di accettare contratti a tempo determinato, nell’ambito del comparto scuola e di durata non inferiore ad un anno, mantenendo senza assegni, complessivamente per tre anni, la titolarità della sede.

L’accettazione dell’incarico prevede l’applicazione della disciplina prevista dallo stesso CCNL  per il personale assunto a tempo determinato, fatti salvi i diritti sindacali.

In materia di ferie l’ art 13, comma 8, (norma comune sia per il personale docente e ATA  a tempo indeterminato  sia per il personale docente e ATA  a tempo determinato) esplicita perentoriamente che le ferie sono un diritto irrinunciabile e non  sono monetizzabili tranne quanto previsto dal comma 15 (all’atto di cessazione dal rapporto di lavoro, qualora le ferie spettanti non siano state fruite).

Il comma 10, del medesimo articolo, stabilisce che la fruizione della ferie non godute a causa di particolari esigenze di servizio o  in caso di motivate esigenze di carattere personale e di malattia dal suddetto personale possa essere differita rispetto a quanto disciplinato dal precedente comma 9.

Pertanto, a parere di questa Agenzia, per quanto espressamente previsto dal vigente CCNL e considerato che  personale destinatario dell’art. 59 rientrando nella sede di titolarità al termine del contratto a tempo determinato non cessa il rapporto di lavoro, non si ravvisano le condizioni per attivare un provvedimento di liquidazione del compenso sostitutivo per le ferie maturate e non fruite.

La fruizione delle ferie maturate e non godute dovrebbe essere favorita al rientro nella sede di titolarità.

Spettano 32 giorni di ferie se con anzianità superiore ai tre anni

Il comma 4 art. 13 del CCNL scuola afferma che “Dopo 3 anni di servizio, a qualsiasi titolo prestato, ai dipendenti di cui al comma 3 spettano i giorni di ferie previsti dal comma 2 (ovvero 32 giorni)”.

Dunque il personale che accetta supplenza ai sensi dell’art. 59 del CCNL scuola/2007 con anzianità di servizio superiore ai tre anni (prestato anche nel profilo di ruolo) ha diritto a 32 giorni di ferie indipendentemente che sia su incarico con art. 59.

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Personale all’estero: certificazione Inglese B2 e corso on-line Intercultura con CFIScuola!