Il fenomeno delle baby-mamme è in costante aumento, soprattutto tra le ragazzine con basso livello di istruzione

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Il professor Aldo Morrone, direttore generale dell’Ospedale San Camillo-Forlanini di Roma, ha messo in evidenza come in Italia sia in aumento il fenomeno delle adolescenti mamme durante un convegno dal titolo inequivocabile: "’Mamme bambine: troppo grandi per giocare, troppo piccole per essere mamme”.

GB – Il professor Aldo Morrone, direttore generale dell’Ospedale San Camillo-Forlanini di Roma, ha messo in evidenza come in Italia sia in aumento il fenomeno delle adolescenti mamme durante un convegno dal titolo inequivocabile: "’Mamme bambine: troppo grandi per giocare, troppo piccole per essere mamme”.

I dati del periodo 2008-2011 confrontati con i dati nazionali e del Lazio, dimostrano che  sempre più giovanissime, anche tra i 14 e i 15, anni incorrono in gravidanze impreviste, tanto più che, oltre ai parti, sono in vertiginoso aumento le interruzioni volontarie di gravidanza.

Dai dati emerge anche come le ragazzine che diventano madri prima di esserne pronte, siano per lo più coloro che hanno un basso livello di istruzione. Per questo, secondo il professor Morrone, sono "urgenti interventi educativi in età giovane", anche al di fuori delle scuole.

Versione stampabile
anief
soloformazione