Federalismo scolastico. Personale assegnato alle regioni, ma stipendi statali

di redazione
ipsef

red – In dirittura d’arrivo l’intesa tra stato e regioni sul nuovo titolo V della Costituzione che rivede l’assetto delle funzioni su itruzione e formazione. Alle regioni passerà la gestione del personale della scuola (docdenti, ausiliari, tecnici e amministrativi), ma lo stipendio resterà statale. Novità anche per la gestione della rete scolastica

red – In dirittura d’arrivo l’intesa tra stato e regioni sul nuovo titolo V della Costituzione che rivede l’assetto delle funzioni su itruzione e formazione. Alle regioni passerà la gestione del personale della scuola (docdenti, ausiliari, tecnici e amministrativi), ma lo stipendio resterà statale. Novità anche per la gestione della rete scolastica

La gestione regionale sarà funzionale, gestionale, ma dal punto di vista organico il personale resterà allo stato. Il trattamento economico resterà fissato dalla contrattazione nazionale, mentre una contrattazione a livello regionale avrà l’obiettivo di dare solo regole di utilizzazione del personale.

Il dimensionamento della rete scolastica sarà di esclusiva competenza degli enti locali, fermo restando le indicazioni finanziarie nazionali.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione