FEDER.ATA: immissioni in ruolo assolutamente insufficienti, il Governo continua a non avere alcuna considerazione della categoria

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Feder.ATA – Spett/li Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana Paolo Gentiloni, Ministra del Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione On. Marianna Madia, Ministra del M.I.U.R Sen. Valeria Fedeli,

il Consiglio dei Ministri ha approvato e consentito con apposito Decreto, che deve essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale, previa registrazione da parte della Corte dei Conti, le assunzioni di 51.773 Docenti, 6.260 ATA, 259 Dirigenti Scolastici, 56 Educatori.

Spett/le On. Marianna Madia,
Lei ha affermato, al termine della riunione del Consiglio a Palazzo Chigi, che tale provvedimento sarà in grado di rispondere alle esigenze del turnover e del funzionamento dei servizi scolastici.

Il Sindacato Feder.ATA, in merito, esprime le seguenti considerazioni:

il numero irrisorio di assunzioni di Personale ATA, rispetto al Personale Docente è veramente increscioso e deplorevole;
il numero degli ATA, prima della “disastrosa Buona Scuola”, è sempre stato composto minimo da una percentuale del 30% rispetto al corpo Docente, pertanto il contingente per le assunzioni del Personale Amministrativo, Tecnico ed Ausiliario doveva necessariamente essere di gran lunga superiore a quello da Voi consentito;
tutto il mondo scolastico è a conoscenza che il Personale ATA è in grave disagio lavorativo, dovuto ai disastrosi tagli subiti e al divieto di sostituzione dei Colleghi assenti, tutti sanno della nostra continua e bistrattata sofferenza quotidianamente subita, senza la minima possibilità di difesa;
ciò denota ancora una volta la scarsa, anzi nulla considerazione per la gestione dei preziosi e utili servizi generali, tecnici e amministrativi delle nostre Scuole;

queste Vostre tristi e inique decisioni nei confronti delle scarse immissioni in ruolo del Personale ATA, rappresentano un grave errore, i cui dannosi risultati saranno sotto gli occhi di tutta l’utenza scolastica; Alunni, Docenti e Famiglie.
Non ci sono altre parole per commentare una simile decadenza e distruzione del Personale ATA.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare