Fedeli, scuola deve poter funzionare in autonomia su bocciature

di redazione
ipsef

item-thumbnail

 Il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, in occasione della presentazione ‘Panorama d’Italia’, a Milano, ha espresso il suo punto di visto in merito alla sentenza del Tar del Friuli Venezia Giulia che ha annullato la bocciatura di un alunno di una scuola media di Gorizia.

Studente bocciato dal consiglio di classe e promosso dal TAR: papà non era informato dell’andamento del figlio

“Dobbiamo fare in modo che la scuola possa funzionare in autonomia e in qualità” senza che “ci siano situazioni nelle quali l’esercizio di responsabilità dei presidi, dei documenti e dei genitori venga bloccato attraverso diciamo percorsi precedenti” – ha detto il ministro.
“Credo – ha aggiunto – che ciascuno debba fare il suo mestiere e che la politica non possa abdicare al suo ruolo, se serve una regolamentazione di legge differente dobbiamo farla”.

“Ci sono sentenze figlie anche di leggi, purtroppo succede, scritte in modo non troppo chiaro” – ha concluso il ministro.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione