Fedeli: Mancano docenti per svilimento valore docenza, occorrono retribuzioni adeguate

Stampa

Tutti i docenti saranno in classe a settembre con la prima campanella dell’anno scolastico, è questa la promessa della ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, ed è per questo che il MIUR è contrario ad una proroga dell’inserimento del modello B su istanze oltre il 25 luglio, termine ultimo.

La ministra Fedeli è intervenuta ieri alla presentazione del piano di investimenti per l’edilizia scolastica ed ha ribadito che lo stipendio dei docenti non è adeguato.

Facendo riferimento ad alcune cattedre, come quelle di matematica, che spesso restano vuote, la ministra ha spiegato che “questo è il frutto dello svilimento negli anni del valore della docenza.Per questo bisogna lavorare – ha aggiunto – per la valorizzazione di questa professione anche retribuendola adeguatamente”.

Sull’argomento era già intervenuta in merito affermando su La7 che “quella dell’insegnante dovrebbe essere una delle professionalità maggiormente pagate di questo Paese perchè hanno in mano il destino dello stesso. Dovrebbero percepire almeno il doppio di quello che prendono ora”.

Stipendio degli insegnanti. Fedeli: Dovrebbe essere di 3.000 euro

 

Stampa

Personale all’estero: certificazione Inglese B2 e corso on-line Intercultura con CFIScuola!