FdI, riaprire scuola prima possibile. Virus inoffensivo per fasce età sotto i 60 anni

Stampa

Questo il risultato di uno studio condotto dall’Ufficio Studi di Fratelli d’Italia sulla reale mortalità in Italia nel mese di marzo 2020, diviso per provincia e per Regione e fatto sulla base dei dati Istat.

Lo studio, basato sui dati Istat disponibili, è stato presentato ieri nel corso di una conferenza stampa con il senatore di FdI, Giovanbattista Fazzolari, responsabile programma FdI, il dottor Francesco Filini, coordinatore ufficio studi FdI e il dottor Alessandro Moricca – manager e esperto in elaborazione dati.

Lo studio ha evidenziato come nel mese di marzo l’incremento del numero di morti è di 17mila unità, con un incremento del 32 per cento su base nazionale rispetto agli anni precedenti e del 70% più alto rispetto al dato dichiarato dalla Protezione Civile di 10.000 morti. Un’epidemia che ha iniziato a mietere vittime, presumibilmente da marzo 2020.

Differenze sono evidenziate a livello regionale. Così ad esempio in Lombardia l’incremento della mortalità è stato del 129 per cento, seguita dall’Emilia-Romagna con +55 per cento; Liguria e Marche con +30 per cento; Piemonte +26 per cento. Veneto 18 per cento. Così il 78 per cento circa dell’aumento di mortalità a livello nazionale nel mese di marzo 2020 si è concentrato nelle 20 province più colpite dal coronavirus, 10 delle quali si trovano in Lombardia e 4 in Emilia-Romagna e 3 in Piemonte

Infine, secondo lo studio,  la letalità per fasce di età, da cui si evince che il Covid-19 è altamente letale per gli over 70, pericoloso per gli over 60, ma quasi inoffensivo per chi ha meno di 60 anni e non ha patologie pregresse.

Di conseguenza, la richiesta è di di prevedere la riapertura delle scuole, fuori dalle zone rosse, prima possibile visto che dai dati appare ingiustificato il perdurare della sospensione didattica.

Il video della presentazione dello studio

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur