FdI: didattica a distanza non è soluzione, se non ripartirà la scuola non ripartirà l’Italia

Stampa

“In Aula il ministro Azzolina ha mandato nuovamente messaggi confusi quando invece, dopo mesi di sacrifici, sarebbe stato indispensabile fare chiarezza su molti aspetti della scuola”.

E’ iniziata la fase due e molte attività  economiche sono ripartite ma la scuola, che è stata la prima a chiudere, è rimasta ferma e ancora non sappiamo se e quando ripartirà. La didattica a distanza non è la soluzione praticabile perché molte famiglie non hanno le risorse per vivere, figuriamoci per acquistare un computer. Inoltre, le mamme che lavorano saranno le prime ad essere penalizzate perché non sanno a chi lasciare i propri figli. In queste settimane, Fratelli d’Italia ha fatto le sue proposte cercando di ipotizzare una riapertura con le giuste cautele ma da parte del governo è giunta solo tanta confusione.

Chiediamo certezze sulla riapertura a settembre che va pianificata sin da ora, individuando spazi adatti e con l’edilizia scolastica che deve immediatamente lavorare in questo senso. Siamo molto preoccupati per la scuola italiana, per gli studenti e per le famiglie. Se non ripartirà la scuola non ripartirà l’Italia“.

Lo dichiarano in una nota i deputati di Fratelli d’Italia Carmela Ella Bucalo e Paola Frassinetti illustrando il question time di Fdi al ministro dell’Istruzione Azzolina.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia