Fassina (PD): Voterò no al DDL se non verrà modificato. dividere assunzioni dal resto del provvedimento

di redazione
ipsef

"Non sono riuscito a dare un motivo agli insegnanti per continuare a votare Pd, stiamo lavorando per una radicale correzione del provvedimento."

"Non sono riuscito a dare un motivo agli insegnanti per continuare a votare Pd, stiamo lavorando per una radicale correzione del provvedimento."

"Stiamo cercando una soluzione che porti a un provvedimento rapido e immediato per l'assunzione degli insegnanti e a un disegno di legge vero e proprio che con tempi ragionevoli e non infiniti, entro l'estate riapra la discussione con il mondo dei lavoratori della scuola e trovi soluzioni condivise". Lo ha detto Stefano Fassina, deputato del Pd, intervistato da Left in merito al ddl scuola.

"Ho votato no all'Italicum, e senza correzioni profonde sul ddl scuola non lo voterò. Siamo arrivati per quanto mi riguarda alla fine di un percorso per cui è evidente che non siamo di fronte a degli incidenti o a degli episodi di sbandamento. Il Pd di Renzi si è riposizionato in termini di: cultura politica, programma, interessi che intende rappresentare. Jobs Act, Senato, Riforma della scuola definiscono una traiettoria evidente e per quanto mi riguarda insostenibile". Lo afferma Stefano Fassina, esponente della minoranza Pd in un'intervista a Left.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione