Fase uno come si fa a connettersi, fase due come fare una buona lezione a distanza

Stampa

• Risolti i problemi pratici, la Zanichelli propone nelle Idee per insegnare da casa il modello della lezione segmentata per tenere viva da lontano l’attenzione della classe.
• Con 2500 video d’autore, 120 mila esercizi interattivi e l’accesso gratuito a 10 dizionari digitali, tra cui lo Zingarelli.

Con le scuole chiuse, il primo problema di un insegnante è stato come connettersi con i propri studenti da casa: che software usare per fare una lezione in videoconferenza, come farglielo sapere e come gestire la classe con le icone degli studenti sullo schermo.

Il secondo problema è come fare una buona lezione a distanza, perché un conto è parlare a trenta persone da una cattedra, un altro da un computer. La Zanichelli propone il modello della lezione segmentata, costituita da 45 minuti suddivisi in quattro segmenti: una rapida verifica delle preconoscenze, un quarto d’ora di spiegazione, un’attività per fare esercitare la classe e infine una discussione sui risultati dell’attività.

«La lezione segmentata – dice il direttore editoriale Giuseppe Ferrari – è l’adattamento alla scuola italiana della chunked lesson sperimentata nel mondo anglosassone: brevi lezioni frontali si alternano a momenti di apprendimento attivo, nei quali gli studenti lavorano e discutono con l’insegnante. Lo spezzettamento dà ritmo alla lezione e tiene viva l’attenzione degli studenti, che tende a perdersi durante le lezioni frontali, soprattutto se a distanza».

Nella pagina zanichelli.it/scuola/idee-per-insegnare-da-casa ci sono 9 video-tutorial sulla lezione segmentata, che in una settimana hanno avuto mezzo milione di visualizzazioni, e 35 tracce di lezione, da italiano a topografia.

Altre idee per insegnare da casa sono:

  • lezioni con video, testi e immagini su Collezioni https://collezioni.scuola.zanichelli.it/, con 2500 video d’autore di 20 materie
  • lezioni di letteratura italiana su Biblioteca, con testi letti da attori, analisi visuali e documenti di critica letteraria.
  • esercizi interattivi su ZTE – Zanichelli test, (https://zte.zanichelli.it/ ) con 120 mila test interattivi di 70 materie

Nell’ultima settimana sono state create e condivise 8000 collezioni e svolti 2 milioni di esercizi interattivi.

10 DIZIONARI ZANICHELLI

Infine, nell’ambito della solidarietà digitale la Zanichelli ha dato l’accesso gratuito per 90 giorni alle versioni digitali dello Zingarelli e di 9 dizionari:

  • Lo Zingarelli 2020. Vocabolario della lingua italiana
  • Il grande dizionario dei Sinonimi e dei Contrari
  • il Ragazzini 2020. Dizionario Inglese-Italiano Italiano-Inglese
  • il Boch. Dizionario Francese-Italiano Italiano-Francese
  • il nuovo dizionario di Tedesco. Dizionario Tedesco-Italiano Italiano-Tedesco
  • il Grande dizionario di Spagnolo. Dizionario Spagnolo-Italiano Italiano-Spagnolo
  • il Kovalev. Dizionario Russo-Italiano Italiano-Russo
  • il dizionario di Arabo. Dizionario Italiano-Arabo Arabo-Italiano
  • Il dizionario di Cinese. Dizionario Cinese-Italiano Italiano-Cinese
  • il dizionario di Giapponese. Dizionario Giapponese-Italiano Italiano-Giapponese

I dizionari possono essere consultati online oppure scaricati su desktop, su tablet e smartphone.

Per averli bisogna:

– collegarsi a dizionari.zanichelli.it 

– inserire il proprio account myZanichelli oppure registrarsi in pochi minuti

– scaricare i dizionari oppure accedere alla versione online

«Subito dopo la chiusura delle scuole – dice Ferrari – siamo partiti dallo Speciale coronavirus (che continuiamo ad aggiornare con il contributo del virologo Giovanni Maga), abbiamo aiutato gli insegnanti a connettersi da casa con le loro classi e ora proponiamo un passo avanti su come fare una buona lezione a distanza. Non abbiamo ricette provate, siamo consapevoli che si procede per tentativi ed errori, ma chi avrebbe detto un mese fa che il 90% degli insegnanti italiani avrebbe fatto lezioni a distanza? Alla Zanichelli ne siamo fieri, perché è una grande prova di responsabilità educativa della scuola italiana». 

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese