Fase transitoria assunzione abilitati e docenti con 36 mesi di servizio, Governo potrà solo accettare o respingere parere Commissione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sono delusi i precari non abilitati che hanno incontrato ieri l’On. De Filippo e i Dirigenti del Miur.

Spiega il professore Pasquale Vespa, presidente dell’Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori “Sentirsi dire che il parere formulato dalla Commissione cultura della Camera sullo schema di decreto n.377 che regola il transitorio, la selezione e l’immissione in ruolo dei precari di seconda e terza fascia sarà vincolante per il Governo il quale potrà solo accettare o respingere in toto il lavoro fatto dalla Commissione, senza poter riformulare una proposta alternativa per dare una giusta risposta ai lavoratori precari, ha reso inutile l’incontro.”

In realtà – secondo il Prof. Vespa ” non si ha la volontà politica di chiudere con il precariato fatto da decine di migliaia di lavoratori che, con 36 mesi e più di esperienza alle spalle, devono essere assunti. Senza altri tentennamenti!”.

La proposta dell’Associazione è quella di

abilitare “chi ha 3×180 giorni di servizio e prevedere un piano di assunzione di tutti i colleghi che lavorano già da anni”.

Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori: abilitare e assumere chi lavora da 36 mesi

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione