Fase B: Miur pubblicherà nominativi degli assunti

WhatsApp
Telegram

Sono in fase di elaborazione al Miur gli elenchi dei docenti che sono stati assunti in fase B. Un'operazione trasparenza sollecitata da più parti, politiche e sindacali, nonchè da tutti i precari ancora in attesa di nomina da GaE.

Sono in fase di elaborazione al Miur gli elenchi dei docenti che sono stati assunti in fase B. Un'operazione trasparenza sollecitata da più parti, politiche e sindacali, nonchè da tutti i precari ancora in attesa di nomina da GaE.

L'anticipazione era già comparsa negli avvisi di alcuni Uffici scolastici ed è stata confermata oggi da un funzionario del Miur durante la trasmissione radiofonica Radio anch'io.

Questi dati – secondo il funzionario – permetterebbero a ciascuno di verificare la correttezza della proposta ricevuta/non ricevuta (vedi il nostro forum)

Perchè alcuni precari lamentano anche questo, ossia possibili errori da parte del cervellone informatico nell'elaborazione della proposta. Ne parla oggi il sindacato Conitp, sarebbero una dozzina di casi. Ma anche qualora si individuerà l'errore, rimane il dilemma sul cosa fare, come muoversi, contro chi ricorrere. Una procedura talmente misteriosa da lasciare ancora molti interrogativi, per es. da parte dei docenti di sostegno assunti su ordine di scuola per il quale avevano pochissimo punteggio, a fronte di punteggi acquisiti con almeno un decennio di precariato in altro ordine.

Se è vero che la mobilità (?) potrebbe rientrare presto, a detta del Ministro, bisognerà poi fare i conti con le richieste di mobilità da una classe di concorso all'altra, o da un ordine di scuola all'altro.

Ricordiamo in ogni caso che i docenti interessati hanno tempo fino a mezzanotte dell'11 settembre per accettare o rifiutare la proposta su Istanze on line, e dunque prima del 12 non ci potranno essere dati definitivi. Molto più probabile che tali dati potranno essere confermati solo dopo il 15 settembre, data di conclusione della fase B.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito