Fase 2: a Milano le “Summer school” saranno organizzate nei giardini delle scuole

Stampa

Il Comune di Milano punta a realizzare una Summer school per i bambini i cui genitori dovranno tornare al lavoro dopo l’emergenza Covid e per questo sta mappando il territorio per capire quali spazi all’aperto potranno essere utilizzati.

Si tratta di spazi all’aperto “che possono essere messi a disposizione dei bambini per le attività di gioco – ha detto l’assessore all’Edilizia scolastica del Comune, Paolo Limonta in commissione riunita in video conferenza – ma anche per le attività didattiche eventualmente anche durante il periodo scolastico”.

Uno degli elementi che il Comune sta considerando è la possibilità “di realizzare strutture molto agili, tipo gazebo per rendere l’idea ma più strutturate, che potrebbero essere messe nei cortili e giardini delle scuole, negli spazi verdi attorno alle scuole – ha aggiunto -. Ci sono molte scuole che sorgono all’interno di spazi verdi o vicino a spazi verdi che non sono di loro pertinenza ma che possono e devono essere utilizzati per la Summer school e magari per il rientro a scuola a settembre”.

Nella mappatura che il Comune sta portando avanti ci sono anche “spazi culturali e teatri che hanno un giardino vicino, uno spazio verde – ha detto Limonta -, quartiere per quartiere con la filosofia per cui i bambini dovranno trovare questi luoghi a 15 minuti a piedi dalle loro abitazioni. Siamo in contatto anche con gli oratori”.

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata