FAQ Miur assunzione. Anief: fuorvianti. Prossimo anno dovranno essere assunti almeno 10mila precari, divieto 36 mesi solo su cattedre al 31 agosto

WhatsApp
Telegram

ANIEF – Il prossimo anno, dovranno essere assunti dalle Gae i precari su tutti i nuovi posti vacanti sul turn-over (almeno 10 mila unità), mentre per i contratti a tempo determinato il divieto dei 36 mesi colpirà soltanto quelli al 31 agosto, peraltro inesistenti.

ANIEF – Il prossimo anno, dovranno essere assunti dalle Gae i precari su tutti i nuovi posti vacanti sul turn-over (almeno 10 mila unità), mentre per i contratti a tempo determinato il divieto dei 36 mesi colpirà soltanto quelli al 31 agosto, peraltro inesistenti.

Continueranno ad essere assegnati ancora 70 mila posti in supplenza fino al termine delle attività didattiche al 30 giugno dalle graduatorie ad esaurimento e soprattutto dalle graduatorie d'istituto, al netto dei ricorsi sulla stabilizzazione.

(Faq 18) Sulle prossime assunzioni per il personale che non sarà immesso in ruolo a seguito del piano straordinario o perché non presenta domanda, Anief ricorda come i posti del prossimo turn-over a legislazione vigente dovranno essere destinati, come per quest'anno scolastico nella fase 0, alle immissioni in ruolo per l'a. s. 2016/2017.

Si tratta di possibili 10-20 mila posti, a cui non può essere sottratta la metà dei posti come specifica erroneamente il Miur, in quanto i posti riservati al futuro concorso sono quelli individuati, a uno stato previsionale, come vacanti e disponibili nel triennio successivo. Si dovrà attingere, quasi certamente, esclusivamente dalle Gae non esaurite, visto che le graduatorie di merito saranno esaurite dopo l’attuale piano di immissioni in ruolo, al netto della legittimità dell'esclusione degli idonei dei precedenti concorsi, fermo restando la decisione dei giudici in merito all'apertura delle stesse Gae.

(Faq 19) Sulle supplenze, errato è il riferimento al comma 131 dell’art. 1 della legge 107/2015, perché il divieto, ancorché per il sindacato illegittimo, riguarda tutti i contratti su posti vacanti e disponibili (31 agosto) dopo 36 mesi e non quelli al termine delle attività didattiche (30 giugno). Pertanto, se è evidente che non vi saranno più supplenze annuali già da quest’anno scolastico, rimarranno quelle al 30 giugno su posti in organico di fatto, tra le 70-100 mila attuali.

Rimane da capire, commenta Marcello Pacifico (ANIEF-CISAL-CONFEDIR) perché il Miur, in questa delicata fase, piuttosto che tranquillizzare, sembri voler allarmare i docenti precari, quasi psicologicamente costringere gli inseriti in Gae a presentare la domanda per la partecipazione al piano straordinario e scoraggiare quanti da anni sono stati chiamati a fare supplenze anche dalle graduatorie d'istituto. E' una minaccia? Forse, non c’è più posto per i precari della scuola o forse fa tanta paura la sentenza della corte europea e i possibili ricorsi nei tribunali per la stabilizzazione?

Le FAQ del Miur

WhatsApp
Telegram

Adempimenti dei Dirigenti scolastici per l’avvio del nuovo anno scolastico: scarica o acquista il nuovo numero della rivista per Dirigenti, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff