FAQ Assegnazione provvisoria: no autocertificazione se si convive con l’assistito. Attenti al punteggio

Stampa

Il Miur integra le FAQ sulle assegnazioni provvisorie con un chiarimento relativo all’autocertificazione di esclusività per chi assiste il genitore o il coniuge se il richiedente convive con l’assistito.

“D. Nelle domande di assegnazione provvisoria è richiesta l’autocertificazione di esclusività per chi assiste il genitore o il coniuge anche se il richiedente è convivente con l’assistito?

R. Risposta No, in analogia con quanto previsto per l’assistenza ai figli (art 8 comma 1 lettera g) non è necessaria l’autocertificazione qualora il dichiarante risulti convivente con il genitore o il coniuge assistito (art. 8 comma 1 lettera h)”

Ricordiamo che le operazioni connesse alle assegnazioni provvisorie vanno molto a rilento, soprattutto nelle province del sud, in cui maggiore è il numero delle richieste. Nel frattempo i docenti hanno preso servizio nella provincia assegnata dall’algoritmo e le scuole hanno avviato la programmazione, con tutti i disagi connessi al fatto di non poter contare su un organico stabile, o con i buchi causati dalle assenze per malattia, aspettativa o congedo parentale.

Assegnazioni e utilizzazioni provvisorie, tutte le graduatorie pubblicate per provincia. Pagina in aggiornamento

Pubblicate le graduatorie, bisogna stare attenti al punteggio

Assegnazione provvisoria, come si legge il punteggio attribuito. La guida

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur