Ex LSU, siglato accordo: si occuperanno della manutenzione degli edifici scolastici. Saranno stanziati 450milioni

di
ipsef

red – I sindacati siglano l’intesa, come anticipato già qualche giorno fa dalla nostra redazione. I 24mila lavoratori Ex Lsu in esubero legati alle ditte che si occupano delle pulizie delle scuole, saranno riqualificati e lavoreranno al fine di realizzare il piano dell’edilizia del Governo.

red – I sindacati siglano l’intesa, come anticipato già qualche giorno fa dalla nostra redazione. I 24mila lavoratori Ex Lsu in esubero legati alle ditte che si occupano delle pulizie delle scuole, saranno riqualificati e lavoreranno al fine di realizzare il piano dell’edilizia del Governo.

L’intesa è stata raggiunta la scorsa notte dalle confederazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil e dalle federazioni di categoria Fisascat, Filcams e UIltrasporti con i ministeri del Lavoro e dell’Istruzione e con le imprese assegnatarie della gara Consip.

Il Miur – nell’ambito del più ampio programma per l’edilizia scolastica deciso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – ha stabilito di destinare complessivamente 450 milioni di euro da impiegarsi sino al 30 marzo 2016 – 150 milioni per l’anno 2014, a decorrere dal 1° luglio 2014 e ulteriori 300 milioni per l’anno 2015 – al fine di affidare al sistema delle aziende gli interventi di ripristino del decoro e della funzionalità degli immobili adibiti ai servizi scolastici.

Tra le nuove mansioni delle quali si occuperanno questi lavoratori anche quelle legate ai lavori di manutenzione delle scuola, a seguito di corsi di riqualificazione cui il personale in esubero dovrà sottoporsi.

Inoltre, sarà avviato il programma di sostegno al reddito con il finanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga per un ammontare complessivo di risorse pari a 60 milioni di euro. Oltre ad un sistema di incentivi all’esodo volontario per circa 700 lavoratori che già posseggono i requisiti per la maturazione della pensione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione