Euro, come cambieranno le banconote: concorso per scegliere i nuovi volti, da Giulio Cesare fino a Luciano Pavarotti

WhatsApp
Telegram

A partire dal 2026, le mani degli europei stringeranno banconote rinnovate non solo nella tecnologia ma anche nell’identità. La Banca d’Italia ha infatti lanciato un’indagine pubblica per definire il nuovo volto dell’Euro, puntando a rappresentare al meglio la comune identità europea.

Le nuove banconote, oltre a riflettere l’essenza dell’Europa, saranno dotate di tecnologie avanzate per impedire falsificazioni e avere un minore impatto ambientale. Così ha ribadito Christine Lagarde, presidente della BCE, sottolineando l’importanza di questa innovazione.

Per identificare i potenziali design, la BCE ha condotto uno studio approfondito tra dicembre 2021 e marzo 2022. Attraverso focus group online in 19 Paesi dell’area euro, sono stati selezionati temi rappresentativi dell’identità europea: dalla natura all’arte, dai monumenti simbolo ai grandi personaggi storici.

Tra i nomi e i luoghi simbolo proposti, l’Italia emerge con forza. Antonio Vivaldi, Luciano Pavarotti, Cristoforo Colombo, Galileo Galilei e Leonardo da Vinci sono solo alcune delle icone italiane che potrebbero adornare le nuove banconote. Non mancano anche riferimenti architettonici come il Colosseo, il duomo di Milano e il recente viadotto Genova San Giorgio di Renzo Piano.

Ma il sondaggio non si limita a specifici nomi o luoghi. I cittadini sono chiamati a votare temi selezionati dalla Banca centrale europea. Tra le proposte spiccano “Uccelli”, simbolo di libertà e resilienza, “Valori europei rispecchiati nella natura” e “Fiumi: acque di vita dell’Europa”.

È una fase cruciale, che segnerà il volto dell’economia europea per gli anni a venire. E con questa iniziativa, la Banca d’Italia sottolinea non solo l’importanza di un’economia forte e protetta, ma anche la rilevanza di un’identità condivisa e rappresentativa. L’Europa non è solo una moneta: è storia, è arte, è cultura. E con le nuove banconote, tutto ciò sarà a portata di mano.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta