Esonero vicari: docente di classe affine da organico potenziato soluzione per non rientrare in classe

WhatsApp
Telegram

E' questa la soluzione che, già prospettata nei resoconti sindacali della riunione al Miur del 18 novembre, sembra prendere piede nella pratica, per salvare "capra e cavoli".

E' questa la soluzione che, già prospettata nei resoconti sindacali della riunione al Miur del 18 novembre, sembra prendere piede nella pratica, per salvare "capra e cavoli".

La CISL, nel resoconto, aveva scritto " nelle scuole in cui tali posti non saranno coperti con organico di potenziamento, i vicari non potranno conservare l'esonero a meno che non sarà possibile utilizzare un neo assunto di classe di concorso affine. L'amministrazione ritiene che tale possibilità si potrà realizzare per classi di concorso relative alla secondaria di primo e secondo grado (ad esempio un neo assunto sulla classe di concorso A050 potrà essere assegnato nella scuola media per “conservare” il vicario titolare della A043).

Nell'incontro tenutosi presso l'USR Piemonte, ad es., riferisce la Gilda degli Insegnanti di Cuneo, l'Amministrazione ha fornito indicazioni ai singoli Ambiti Territoriali al fine di individuare i casi dei vicari non coperti da sostituzione possibile con docenti appartenenti all'organico potenziato.

E' stato deciso di attribuire a queste scuole un posto di potenziato da classe di concorso affine (es.A047 per A059, A050-51-52 per A043). Nei casi residuali (es.IRC) si stanno studiando eventuali altre soluzioni.

Per compensare gli scarsi organici potenziati delle scuole secondarie di I° grado verrà assegnato a ciascuna scuola un ulteriore posto di postenziato (con titolarità sempre sul II° grado) scelto nell'ambito di classi di concorso non specifiche.

Soluzioni alternative vengono richieste dall'ANP

Stop ad esoneri per vicari situazioni particolari, interviene l'ANP: utilizziamo i soldi delle mancate assunzioni

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito