Esclusione dei precari di religione dal piano di assunzione: lo Snadir presenta due ricorsi al Tar Lazio

WhatsApp
Telegram

Lo Snadir ha presentato due ricorsi avverso il D.M. 470 del 7 luglio 2015 e il Decreto 767 del 17 luglio 2015, sostenendo che tali norme sono incostituzionali in quanto escludono i docenti di religione, che risultano abilitati all’insegnamento, dal piano di assunzione.

Lo Snadir ha presentato due ricorsi avverso il D.M. 470 del 7 luglio 2015 e il Decreto 767 del 17 luglio 2015, sostenendo che tali norme sono incostituzionali in quanto escludono i docenti di religione, che risultano abilitati all’insegnamento, dal piano di assunzione.

In particolare, l’esclusione dei docenti precari di religione dal piano di assunzione viola gli artt. 3 e 97 della Costituzione, in quanto dimentica gli idonei del concorso del 2004 e si pone in contrasto con i principi sulla stabilizzazione dei lavoratori precari statuiti dalla Corte di Giustizia europea.

La legge di riforma della scuola, in modo irragionevole, esclude i docenti di religione incaricati annuali con un servizio superiore a tre anni e quelli idonei a seguito del concorso del 2004 dal piano di assunzione nonostante essi siano nominati su posti vacanti e disponibili sull’organico di diritto e  nonostante la loro immissione in ruolo avverrebbe sostanzialmente a costo zero.

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici, è in Gazzetta Ufficiale: preparati per le prove selettive. Il corso con 285 ore di lezione e migliaia di quiz per la preselettiva. A partire da 299 euro