Esami terza media 2022, quali sono i casi di non ammissione. Voto in decimi tiene conto del percorso dei tre anni

WhatsApp
Telegram

Il Ministero dell’Istruzione, in attuazione di quanto disposto dall’articolo 1, comma 956 della legge n. 234/2021, ha pubblicato l’Ordinanza che disciplina l’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione a.s. 2021/22.

Esame di terza media, due prove scritte e un colloquio. Ecco l’ordinanza ministeriale. SCARICA PDF

Quali sono i requisiti di ammissione all’esame? Come sarà attribuito il relativo voto?

Requisiti di ammissione

In sede di scrutinio finale, sono ammessi all’esame di Stato gli alunni che:

  1. abbiano frequentato almeno tre quarti del monte ore annuale personalizzato (che tiene conto delle discipline e degli insegnamenti oggetto di valutazione periodica e finale da parte del consiglio di classe), fatte salve le eventuali motivate deroghe deliberate dal collegio dei docenti; tali deroghe, considerata la situazione emergenziale ancora in atto, possono riguardare anche specifiche situazioni dovute all’emergenza epidemiologica;
  2. non siano incorsi nella sanzione disciplinare della non ammissione all’esame di Stato prevista dall’articolo 4, commi 6 e 9 bis, del  DPR n. 249/1998; la predetta sanzione, ricordiamolo, è adottata dal Consiglio di Istituto nei casi di recidiva di reati che violino la dignità e il rispetto per la persona umana oppure atti di grave violenza o connotati da una particolare gravità e tali da ingenerare un elevato allarme sociale, ove non siano possibili interventi per un reinserimento responsabile e tempestivo dello studente nella comunità durante l’anno scolastico.

La partecipazione alle prove nazionali Invalsi, sebbene prevista, non costituisce per l’a.s. 2021/22 requisito di ammissione, in deroga alle disposizioni di cui al D.lgs. 62/2017. Pertanto, anche in caso di mancata partecipazione alle prove, l’alunno è ammesso all’esame, fermo restando il possesso dei due requisiti sopra riportati.

Non ammissione

Il comma 3 dell’articolo 2 dell’OM così dispone per eventuali casi di non ammissione:

Nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline, il consiglio di classe può deliberare, con adeguata motivazione, la non ammissione all’esame conclusivo del primo ciclo.

Il consiglio di classe, dunque, in caso di insufficienze in una o più discipline, può deliberare la non ammissione all’esame.

Dal tenore letterale della disposizione normativa sopra riportata, così come chiarito nella nota del MI del 10/10/2017 – pubblicata al fine di illustrare le disposizioni del D.lgs. n. 62/2017 e del DM n. 741/2017 – la non ammissione rappresenta un’eccezione ed è possibile ammettere all’esame anche in presenza  di una o più insufficienze, fermi restando la competenza del consiglio di classe nello stabilire se la parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento sia più o meno grave e i criteri deliberati dal collegio docenti e inseriti nel PTOF. Sebbene l’Ordinanza non lo espliciti, non pensiamo che in tempo di pandemia i criteri diventino più stringenti di quelli previsti dalla normativa “ordinaria”.

Ricordiamo che, se determinante, il voto espresso nella deliberazione di non ammissione all’esame dall’insegnante di religione cattolica/attività alternativa, per i soli alunni che si avvalgono di tali insegnamenti, diviene un giudizio motivato iscritto a verbale.

Voto di ammissione

Il voto di ammissione, leggiamo nell’articolo 2, comma 2, dell’Ordinanza è attribuito in base a quanto previsto dall’articolo 6, comma 5, del D.lgs. 62/2017, che così dispone:

Il voto di ammissione all’esame conclusivo del primo ciclo e’ espresso dal consiglio di classe in decimi, considerando il percorso scolastico compiuto dall’alunna o dall’alunno.

Il predetto voto in decimi, dunque, va attribuito tenuto conto del percorso scolastico triennale dell’alunno. A ciò aggiungiamo che è attribuito:

  • ai soli alunni ammessi all’esame di Stato;
  • in coerenza con i criteri e le modalità definiti dal collegio dei docenti e inseriti nel PTOF;
  • in decimi senza utilizzare frazioni decimali.

Infine, riallacciandoci  a quanto detto sopra sulla possibilità di ammissione anche con una o più insufficienze, come leggiamo anche nella citata nota del 2017 e nel DM 741/2017 (sebbene non richiamato nell’OM), il voto di ammissione può essere anche inferiore a sei decimi.

Quando si svolgerà l’esame

L’esame si svolgerà tra il termine delle lezioni e il 30 giugno 2022 salvo diversa disposizione connessa al l’andamento della situazione epidemiologica.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023, diventa docente di sostegno: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, a richiesta proroga di una settimana