Esami terza media 2021, voto valutazione finale. Compiti commissione e sottocommissioni

Stampa

Esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione a.s. 2020/21, valutazione finale. Compiti commissione e sottocommissioni: definizioni criteri, valutazione prova d’esame, proposta e attribuzione voto finale ed eventuale menzione di lode, pubblicazione esiti.

Esame a.s. 2020/21

L’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione, disciplinato per il solo a.s. 2020/21 dall’OM n. 52 del 03/03/2021, consiste in una sola prova orale e prevede la realizzazione  e la presentazione di un elaborato da parte degli alunni, che andrà consegnato prima degli esami.

L’esame si svolge in presenzatuttavia, come leggiamo nell’articolo 9 dell’OM, potrebbe svolgersi in video conferenza o in altra modalità sincrona a distanza, nel caso in cui le condizioni epidemiologiche e le disposizioni delle autorità competenti lo richiedano oppure nel caso in cui il dirigente scolastico (prima dell’inizio della sessione d’esame) o il presidente di commissione (successivamente all’inizio della sessione d’esame) ravvisi l’impossibilità di applicare le eventuali misure di sicurezza stabilite, in conseguenza dell’evoluzione della situazione epidemiologica e delle disposizioni ad essa correlate.

L’esame in video conferenza o in altra modalità sincrona è previsto, inoltre, per i candidati impossibilitati a essere presenti perché in ospedale o luoghi di cura o perché impossibilitati a lasciare il proprio domicilio nel periodo dell’esame. Lo stesso vale per i commissari se impossibilitati a seguire i lavori in presenza, inclusa la prova d’esame, in conseguenza di specifiche disposizioni sanitarie connesse all’emergenza epidemiologica (a tale argomento dedicheremo un apposito articolo).

ORDINANZA

Queste le procedure e gli adempimenti che condurranno all’esame, al suo svolgimento e alla valutazione degli alunni:

  • assegnazione della tematica dell’elaborato, che gli alunni dovranno realizzare e presentare, da parte del consiglio di classe a ciascuno studente entro il 7 maggio 2021;
  • supporto dei docenti agli allievi nella realizzazione dell’elaborato e nella scelta della forma che lo stesso dovrà avere;
  • trasmissione al consiglio di classe dell’elaborato da parte degli studenti entro il 7 giugno 2021;
  • scrutinio finale per delibera ammissione all’esame e attribuzione relativo voto in decimi;
  • insediamento della commissione d’esame;
  • svolgimento esame: prova orale a partire dalla presentazione dell’elaborato;
  • valutazione finale.

Quest’ultimo punto è di competenza della commissione su proposta delle sottocommissioni.

Valutazione finale

Commissione e sottocommissioni, terminate le prove orali, procedono alla valutazione finale e all’attribuzione del relativo voto, ciascuno secondo le proprie competenze.

La commissione:

  • procede, in sede di riunione preliminare, alla definizione dei criteri di  valutazione della prova d’esame; i criteri devono essere coerenti con il profilo finale dello studente, con gli obiettivi e i traguardi di competenza previsti dalle Indicazioni nazionali, come declinati dal curricolo di istituto e dalla programmazione dei consigli di classe, con particolare attenzione alla capacità di argomentazione, di risoluzione di problemi, di pensiero critico e riflessivo, nonché sul livello di padronanza delle competenze di educazione civica; i criteri definiti inoltre devono riguardare anche la valutazione dell’elaborato a partire dal quale si svolge la prova orale;
  • delibera, su proposta della sottocommissione, la valutazione finale espressa con voto in decimi per ciascun alunno;
  • delibera all’unanimità in caso di attribuzione della menzione di lode.

La sottocommissione:

  • valuta la prova d’esame, secondo i suddetti criteri definiti dalla commissione; 
  • formula la proposta di valutazione finale, ossia l’attribuzione del voto finale in decimi, ai fini della delibera della commissione;
  • formula l’eventuale proposta per l’attribuzione della lode.

In definitiva, le operazioni che conducono all’attribuzione del voto finale sono le seguenti:

  1. valutazione prova d’esame (sottocommissione);
  2. proposta voto valutazione finale per ciascun alunno (sottocommissione);
  3. delibera voto valutazione finale per ciascun alunno (commissione).

L’esame è superato con la votazione di almeno sei decimi.

Voto finale e attribuzione della lode

Il voto finale in decimi scaturisce dalla media tra il voto di ammissione e il voto della prova d’esame. La media è arrotondata all’unità superiore per frazioni pari o superiori a 0,5.

Esempio alunno con voto di ammissione 9 e voto prova esame 10-> media: 9 (voto ammissione) + 10 (voto esame)/2= 19:2= 9,50; si arrotonda all’unità superiore -> 10/10 valutazione finale. 

La valutazione finale può essere accompagnata dalla lode, per la cui attribuzione si deve tener conto delle valutazioni conseguite nel triennio e della prova d’esame

La delibera della commissione, ai fini dell’attribuzione della lode, deve essere all’unanimità.

Pubblicazione esiti

Terminate tutte le operazioni relative alla valutazione finale, l’esito dell’esame, con l’indicazione del punteggio finale conseguito, è pubblicato tramite affissione di tabelloni presso la scuola sede della sottocommissione e, distintamente per classe, nell’area documentale riservata del registro elettronico, cui accedono gli studenti della classe di riferimento.

Nel tabellone e nell’area riservata del registro elettronico, in caso di mancato superamento dell’esame, va indicata la sola dicitura “Non diplomato”. 

Nel caso di alunni con disabilità o con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), nel diploma finale e nelle tabelle pubblicate (secondo le suddette modalità) non viene fatta menzione delle eventuali (personalizzate) modalità di svolgimento dell’esame. 

Esame di terza media, ecco l’ordinanza ministeriale. Le novità [PDF e VIDEO]

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur