Esami di Stato secondaria II grado. Prova scritta Fisica nei Licei Scientifici: scheda Miur su abilità e competenze richieste

Stampa

Il Miur ha pubblicato un documento di orientamento per la preparazione degli studenti all’esame di stato per la prova scritta di Fisica nei Licei Scientifici in quanto enuclea, per ciascun contenuto previsto dalle indicazioni nazionali per il V anno, le abilità e le competenze disciplinari attese e che costituiranno base di riferimento nell’elaborazione della prova d’esame.

Il Miur ha pubblicato un documento di orientamento per la preparazione degli studenti all’esame di stato per la prova scritta di Fisica nei Licei Scientifici in quanto enuclea, per ciascun contenuto previsto dalle indicazioni nazionali per il V anno, le abilità e le competenze disciplinari attese e che costituiranno base di riferimento nell’elaborazione della prova d’esame.

Tale documento, di contenuto non prescrittivo, è stato richiesto da molte istituzioni scolastiche in considerazione del fatto che il regolamento, di cui al D.M. n. 10 del 29/01/2015 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 45 del 24/02/2015, prevede, per la prima volta, oltre alla disciplina Matematica, la disciplina Fisica come possibile scelta del Ministro per la seconda prova scritta dell’esame di Stato conclusivo del percorso di tutti gli indirizzi ed opzioni del liceo scientifico.

Il Ministero precisa che è da considerare come Quadro di Riferimento della II prova di Fisica dell’esame di Stato e non come “Programmazione didattica del V anno”, che potrà e dovrà considerare anche altri contenuti la cui scelta è affidata alla libera programmazione didattica delle scuole e dei docenti.

I prerequisiti attengono alle attività didattiche svolte nel corso dei 5 anni scolastici; essi potranno essere oggetto della verifica solo in modo indiretto, cioè funzionale ai contenuti, alle abilità e alle competenze previste dal Quadro. Sarà la programmazione didattica delle singole scuole a sceglierne la collocazione temporale ottimale ai fini dell’apprendimento.

Relativamente alla sezione “D” del Quadro, “Argomenti e approfondimenti di Fisica Moderna”, rimane ferma la libertà di scelta dei docenti fra uno o più argomenti specifici da affrontare, avendo cura che lo studente ne comprenda l’importanza e il significato e che sappia inquadrarli nelle problematiche scientifiche di base o applicative attuali. Da ciò consegue che tali argomenti di approfondimento della Fisica Moderna potranno essere oggetto solo della prova orale e della terza prova scritta, ma non della seconda prova scritta.

Scarica il documento del Miur

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur