Esami di Stato II grado. Possibilità di presentare domanda tardiva entro il 31 gennaio

Stampa

La C.M. n. 20 del 20 ottobre 2015 fornisce informazioni sulla possibilità di presentare tardivamente, da parte dei candidati privatisti,la domanda per sostenere gli Esami di Stato, per gravi e documentati motivi, entro il 31 gennaio 2016, presso l’UST della provincia di residenza.

La C.M. n. 20 del 20 ottobre 2015 fornisce informazioni sulla possibilità di presentare tardivamente, da parte dei candidati privatisti,la domanda per sostenere gli Esami di Stato, per gravi e documentati motivi, entro il 31 gennaio 2016, presso l’UST della provincia di residenza.
La valutazione delle domande è di competenza esclusiva dei Dirigenti.
I candidati devono presentare i seguenti documenti: modello di domanda compilato e firmato; dichiarazione sostitutiva ex DPR 445/2000 compilata e firmata (v. ad esempio modello dell’UST Torino); fotocopia del documento d’identità; fotocopia del bollettino relativo alla tassa erariale reperibile presso gli uffici postali; motivi documentati.
 
Nella domanda si devono indicare le preferenze per almeno tre istituzioni scolastiche in cui si intende sostenere l’esame: le scuole devono essere comprese nel comune di residenza.

La normativa ministeriale prevede per ogni classe un numero non superiore a 35 candidati complessivi, dei quali gli esterni non devono superare la metà del numero degli interni.
Nella domanda i candidati esterni devono, inoltre, dichiarare la lingua e/o le lingue straniere che presentano agli esami.
Possono presentare domanda tardiva al Dirigente Scolastico anche i candidati interni con gli stessi requisiti.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur