Esami di Stato II grado 2013. Oggi le commissioni. Coincidenza prove con concorso docenti, precari meditano la rinuncia alla nomina

di Lalla
ipsef

Lalla – Oggi il Miur attiva il servizio "Cerca la commissione", anche se i dati delle nomine circolano già da venerdì tramite le segreterie e gli uffici scolastici. Emerge subito un dato: in alcune regioni sono già state calendarizzate prove orali del concorso docenti nei giorni delle prove scritte o della correzione collegiale. Il problema interessa sia commissari che candidati, e molti pensano già di non accettare la nomina.

Lalla – Oggi il Miur attiva il servizio "Cerca la commissione", anche se i dati delle nomine circolano già da venerdì tramite le segreterie e gli uffici scolastici. Emerge subito un dato: in alcune regioni sono già state calendarizzate prove orali del concorso docenti nei giorni delle prove scritte o della correzione collegiale. Il problema interessa sia commissari che candidati, e molti pensano già di non accettare la nomina.

Problemi tecnici hanno impedito al Ministero la pubblicazione tempestiva delle commissioni nominate per lo svolgimento degli Esami di Stato 2012 2013 nelle scuole secondarie statali e paritarie di II grado. E così da venerdì ci si è dovuti affidare alle segreterie scolastiche, a riviste on line (che pure avevano i file con i nominativi), a passaparola sul web. Oggi – assicura il Miur – sarà attivata l’apposita funzione sul sito del Miur

Questo l’indirizzo per controllare l’intera commissione.

Il problema di quest’anno si chiama coincidenza tra prove degli Esami di Stato e prove del concorso docenti, al quale molti docenti precari stanno partecipando.

Seppure il Ministero abbia raccomandato con la nota del 17 aprile 2013 di evitare le sedute antimeridiane di colloqui del concorso, per permettere ai componenti delle commissioni di poter partecipare agli Esami di Stato (il Miur dimentica che i colloqui degli esami di Stato si svolgono anche di pomeriggio, e che i commissari svolgono servizio in sedi distanti da quella di correzione), ha dimenticato nella sua previsione il possibile impegno, negli stessi Esami di Stato, dei docenti precari candidati al concorso.

Docenti che adesso, venuta a conoscenza della nomina, si trovano in difficoltà e meditano la rinuncia all’incarico, dato che la normativa prevede la possibilità di assentarsi solo per un giorno (e certo non nei giorni delle prove scritte, nè durante la correzione delle prove), mentre per svolgere il concorso occorrono due giornate (estrazione dell’argomento 24 ore prima e colloquio il giorno successivo).

Una difficoltà già segnalata da Orizzonte Scuola Concorso a cattedra: prove orali coincidenti con Esami di Stato. Occorrono due giorni di permesso , che non mancherà di diventare di attualità nei prossimi giorni.

Ricordiamo che la circolare n. 7/2013 prevede che l’impedimento ad espletare l’incarico, da parte dei commissari esterni, deve essere tempestivamente comunicato al proprio Dirigente Scolastico, il quale dispone immediati accertamenti sui motivi addotti, e al competente Direttore regionale (ufficio scolastico), che ne dispone la sostituzione.

La sostituzione dei commissari interni è invece a cura del Dirigente Scolastico stesso.

Esami di Stato II ciclo, commissari e Presidente possono assentarsi? Le modalità di sostituzione (messa a disposizione)

Per evitare il caos che si potrebbe determinare (non è corretto che un docente, prima obbligato a presentare la domanda, pena sanzioni, sia adesso costretto a rinunciare, per la mancata previsione da parte del Ministero di possibili coincidenze) sarebbe corretto da parte del Ministero concedere due giorni di permesso e la sostituzione temporanea durante tutte le fasi di svolgimento delle operazioni.

Nella sezione Regioni sono state raccolte tutti modelli utili per la domanda di messa a disposizione.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione