Esami Stato, da oggi si sostituiscono commissari e Presidenti assenti per più di un giorno

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Lunedì 17 giugno si insediano le Commissioni degli Esami di Stato per l’a.s. 2018/19. Il riepilogo delle modalità di sostituzione dei docenti commissari e Presidenti assenti per più di un giorno. 

La normativa

Le modalità di sostituzione dei componenti le commissioni giudicatrici degli Esami di Stato è indicata dal

Si ricorda che la partecipazione ai lavori delle commissioni dell’ esame di Stato da parte del presidente e dei commissari rientra tra gli obblighi inerenti lo svolgimento delle funzioni proprie dei dirigenti scolastici e del personale docente della scuola.

Non è consentito ai componenti le commissioni di rifiutare l’incarico o di lasciarlo, salvo nei casi di legittimo impedimento per motivi che devono essere documentati e accertati.

Le sostituzioni di componenti le commissioni, che si rendano necessarie per assicurare la piena operatività delle commissioni stesse sin dall’insediamento e dalla riunione preliminare, sono disposte dal Dirigente preposto all’ Ufficio scolastico regionale.

Il personale utilizzabile per le sostituzioni, con esclusione del personale con rapporto di lavoro di supplenza breve e saltuaria, deve rimanere a disposizione della scuola di servizio fino al 30 giugno 2019, assicurando, comunque, la presenza in servizio nei giorni delle prove scritte.

I dirigenti preposti agli Uffici scolastici regionali provvedono alla sostituzione dei presidenti e dei commissari esterni impediti ad assolvere l’incarico, utilizzando, ove possibile, l’elenco dei non nominati e tenendo conto dei criteri di nomina del decreto di composizione delle commissioni.

Il dirigente scolastico, al fine della sostituzione del commissario interno, può designare un docente della stessa disciplina dello stesso corso o di altra classe di diverso corso o un docente di disciplina non affidata ai commissari esterni, della stessa classe o dello stesso corso o di altra classe di diverso corso del medesimo istituto, anche se svolge detta funzione in altra commissione. Qualora ciò non sia possibile, il dirigente scolastico designa un docente compreso nelle graduatorie d’istituto della stessa disciplina del commissario da sostituire o, in mancanza, di una disciplina non rappresentata.

Nelle operazioni di sostituzione deve essere assicurata la presenza in
commissione dei docenti delle discipline oggetto della prima e della seconda prova scritta.

Sono sostituiti i commissari o presidenti in posizione di incompatibilità, con riguardo a rapporti di parentela o di affinità entro il quarto grado oppure di rapporto di coniugio con i candidati da esaminare.

Le domande di messa a disposizione

L’elenco dei modelli pubblicati dagli Uffici Scolastici

Quanto guadagnano Commissari e Presidenti

la tabella

 

Versione stampabile
anief banner
soloformazione