Esami di Stato 2016, prima prova: valori e identità filo conduttore delle tracce. Il “Valore del paesaggio” la più gettonata

di redazione
ipsef

L'esame di maturità è ormai entrato nel vivo, con lo svolgimento in data odierna della prova scritta d'Italiano, che abbiamo seguito in diretta web con costanti aggiornamenti sino alla pubblicazione ufficiale da parte del Miur delle tracce presentate agli studenti. 

L'esame di maturità è ormai entrato nel vivo, con lo svolgimento in data odierna della prova scritta d'Italiano, che abbiamo seguito in diretta web con costanti aggiornamenti sino alla pubblicazione ufficiale da parte del Miur delle tracce presentate agli studenti. 

Dette tracce, come ha affermato il Ministro, erano legato da un unico filo conduttore: i valori e l'identità, nei loro svariati modi di manifestarsi. Queste le parole della Giannini:  "Sono un valore il paesaggio e la sua tutela. È un valore non limitare la misura dello sviluppo e del progresso di un Paese solo ad una quantificazione numerica. È un valore la scienza che supera ogni confine dell’immaginazione con l’uomo che affronta l’ignoto e lo spazio. È  un valore il bene immateriale della letteratura. E ancora, è un valore la reinterpretazione del concetto di confine, che non è solo separazione, ma può essere elemento di continuità e integrazione. È un valore il protagonismo delle donne, su cui dobbiamo ancora lavorare senza mollare mai la presa".

Sicuramente, come aveva affermato la titolare del Miur, si tratta di tematiche sulle quali i ragazzi dovevano riflettere, anche a partire da esperienze attinenti alla propria vita. La Giannini le aveva definite anche belle e tali sono sembrate anche agli studenti. Con tale aggettivo le hanno definito, ad esempio,  anche i ragazzi del liceo classico "Albertelli" di Roma.

Passiamo ai numeri: quali sono state le scelte numericamente più consistenti da parte dei maturandi? La risposta è fornita da un comunicato del Miur, secondo cui "la traccia più gettonata della Maturità 2016 è quella sul “Valore del paesaggio” (ambito Storico-Politico), scelta dal 23,2% dei maturandi". All'opposto, l'analisi del testo di Umberto Eco, probabilmente perché si tratta di un argomento non affrontato durante l'anno dagli allievi, come affermato anche da uno studente del prima citato liceo "Albertelli".

Di seguito i dati forniti dal Miur:

"La traccia più gettonata della Maturità 2016 è quella sul “Valore del paesaggio” (ambito Storico-Politico), scelta dal 23,2% dei maturandi. Segue il tema di ordine generale sui significati del confine, svolto dal 22,4% dei candidati. Questi i dati rilevati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. 

Il 16,9% degli studenti ha optato per la traccia di ambito Tecnico-Scientifico, “L’uomo e l’avventura dello spazio”. Il 15,8% dei maturandi ha scelto il tema sul rapporto fra padre e figlio nelle arti e nella letteratura del Novecento, l’8,5% ha preferito la traccia di ambito Socio-Economico, che invitava a riflettere sul PIL come misura della crescita e dello sviluppo. Il 7% ha svolto la traccia storica, quella sul primo voto delle donne in Italia nel 1946. Il 6,2%, infine, ha fatto l’Analisi del testo di Umberto Eco. 

Fra i liceali la traccia più scelta, l’ha svolta il 22,5% dei candidati, è stata quella sul rapporto padre-figlio. Negli istituti tecnici ha ‘vinto’ il tema sul paesaggio, in linea con il trend nazionale: l’ha scelto il 25,5% dei maturandi. Nei professionali il 28,8% dei candidati ha svolto il tema sul significato del confine."

Lo speciale di Orizzonte Scuola sulla maturità 2016
 

Versione stampabile
anief
soloformazione