Esami di Stato 2015. Nessun obbligo per insegnanti con legge 104

Di Lalla
Stampa

In queste settimane i consigli di classe si riuniscono per la designazione dei commissari interni per gli Esami di Stato 2015. A breve anche la circolare per la presetazione delle domande da parte dei commissari esterni. Cosa deve fare chi ususfruisce della legge 104.

In queste settimane i consigli di classe si riuniscono per la designazione dei commissari interni per gli Esami di Stato 2015. A breve anche la circolare per la presetazione delle domande da parte dei commissari esterni. Cosa deve fare chi ususfruisce della legge 104.

La normativa attuale fa riferimento a docenti "in situazione di handicap o che usufruiscono delle agevolazioni di cui all'art. 33 della legge n. 104, del 5 febbraio 1992 e successive modificazioni". Nessun accenno alla rivedibilità del provvedimento.

Commissari interni

I docenti designati commissari interni, che usufruiscono delle agevolazioni di cui all'art. 33 della legge n. 104 del 5 febbraio 1992, hanno facoltà di non accettare la designazione.

Tale facoltà può essere esercitata anche dai docenti titolari delle discipline oggetto della prima o della seconda prova scritta. In questo caso il dirigente scolastico designa docenti di uguale insegnamento tra docenti appartenenti allo stesso istituto.

Questo è un punto fermo della normativa e va rispettato. Alcune volte nei consigli di classe si fa leva sull'impatto emotivo, sulla composizione della commissione sbilanciata a favore del numero dei commissari esterni nel momento in cui il commissario interno deve essere sostituito.

Ricordiamo ai colleghi che avanzano questo ragionamento che il docente che rinuncia all'espletamento degli esami lo fa sulla base di una normativa (non contestabile), così come sarà sicuramente cura del commissario interno intrattenere con il collega rapporti tali da consentirgli la massima conoscenza della classe (oltre naturalmente alla visione accurata da parte del docente designato dei documenti che verranno elaborati).

Men che meno potrebbe essere accettato il ricorso ad un ordine di servizio. 

Segui su Facebook le news della scuola e partecipa alle conversazioni. Siamo in 183mila

Commissari esterni

Hanno facoltà e non obbligo di presentare la scheda i docenti in situazione di handicap o che usufruiscono delle agevolazioni di cui all'art. 33 della legge n. 104, del 5 febbraio 1992 e successive modificazioni.

Se si presenta la scheda o si accetta la designazione

In una FAQ il Ministero precisa "Gli stessi, qualora si siano avvalsi di tale facoltà e siano stati nominati, hanno l'obbligo di espletare l'incarico."

Pertanto, per quanto riguarda il regime delle assenze, saranno sottoposti alla stessa disciplina degli altri commmissari. Potranno usufruire al massimo di una giornata, con tutti gli accorgimenti del caso.

Lo speciale Esami di Stato secondaria II grado 2015: guide, consulenza, normativa

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata