Esami di maturità. Tema sul voto alle donne, Centemero (FI): bene, passaggio chiave della nostra storia

di redazione
ipsef

L'onorevole Centemero (FI) è intervenuta per commentare le tracce della prova d'Italiano degli esami di Maturità, esprimendo il proprio gradimento, relativamente al tema del voto alle donne, concesso alla fine della II Guerra Mondiale, quando sono state chiamate ad esprimersi per scegliere tra Monarchia e Repubblica e ad eleggere il Parlamento. 

L'onorevole Centemero (FI) è intervenuta per commentare le tracce della prova d'Italiano degli esami di Maturità, esprimendo il proprio gradimento, relativamente al tema del voto alle donne, concesso alla fine della II Guerra Mondiale, quando sono state chiamate ad esprimersi per scegliere tra Monarchia e Repubblica e ad eleggere il Parlamento. 

La Deputata di forza Italia ha evidenziato l'importanza di detta tematica come argomento di riflessione, da parte dei nostri ragazzi al termine del loro percorso di studi, su un passaggio determinante della storia italiana

“L’inserimento del tema del voto alle donne nel ‘46 tra le tracce del tema di maturità è un fatto positivo. Il suffragio universale, introdotto in occasione del referendum per decidere tra monarchia e repubblica, segnò infatti una conquista nel solco di un cammino riformatore sociale, culturale e politico". Lo dichiara la deputata di Forza Italia Elena Centemero, presidente della Commissione Equality and non discrimination del Consiglio d’Europa. "E' giusto che questo argomento sia affrontato nel coronamento del percorso di studio di molti giovani italiani, sollecitando così una riflessione approfondita su un passaggio chiave della nostra storia. Ancora oggi, la rappresentanza femminile è una questione aperta in molti campi, dalla politica all’impresa. Che i giovani maturino una forte sensibilità in merito contribuisce a rendere la nostra società più moderna. Rinnovo i miei auguri a tutti i maturandi”, conclude. 

Versione stampabile
anief
soloformazione