Esami di Stato II grado. Occhio all’uso del cellulare, si rischia l’esclusione dalle prove

di Giulia Boffa
ipsef

item-thumbnail

Lunedì prossimo i docenti coinvolti negli esami di Stato del II grado daranno l’avvio alle operazioni con la riunione plenaria.

Il Miur, con la nota 5754 del 24 maggio 2017, richiama gli adempimenti di carattere tecnico-operativo ed organizzativo, che sono a cura dei presidi delle scuole sede d’esame.

Bisognerà osservare molto scrupolosamente le disposizioni relative alle modalità di invio tramite il plico telematico delle tracce delle prove scritte degli esami di Stato sulla base delle note, protocollo numero 1382 del 21 aprile 2015 e protocollo numero 1018 del 2 maggio 2013 (per candidati con disabilità visive, candidati che svolgono l’esame presso sezioni carcerarie od ospedaliere).

I locali devono essere individuati sulla base della loro idoneità allo svolgimento degli esami, sotto il profilo della sicurezza, dell’agibilità e dell’igiene, devono essere dignitosi e accoglienti in modo da offrire un’immagine della scuola decorosa e consona alla particolare circostanza. Inoltre dovranno essere attrezzati per permettere alle commissioni lo svolgimento informatizzato e digitale dei lavori.

E’ assolutamente vietato agli studenti nei giorni delle prove scritte, utilizzare a scuola telefoni cellulari, smartphone di qualsiasi tipo, dispositivi di qualsiasi natura e tipologia in grado di consultare file, di inviare fotografie ed immagini, nonché apparecchiature a luce infrarossa o ultravioletta di ogni genere, portatili di qualsiasi genere in grado di collegarsi all’esterno degli edifici scolastici tramite connessioni wireless, comunemente diffusi nelle scuole, o alla normale rete telefonica con qualsiasi protocollo;
Nei confronti di coloro che fossero sorpresi ad utilizzarli è prevista, secondo le norme vigenti in materia di pubblici esami, l’esclusione da tutte le prove.
I dirigenti devono ricordare tale divieto anche ai presidenti ed ai commissari, che hanno il compito di vigilare sul rispetto del divieto stesso, al fine di evitare il verificarsi di episodi che, oltre a turbare il sereno svolgimento delle prove scritte, risulterebbero gravemente penalizzanti per gli stessi candidati.

Per evitare situazioni spiacevoli, nei giorni delle prove scritte dovrà essere disattivato qualunque collegamento con la rete internet e dovranno essere resi inaccessibili, aule e laboratori di informatica, nonché qualunque tipo di personal computer collegato o collegabile alla rete.

Per consentire le operazioni collegate alla estrazione e stampa delle tracce delle prove, inviate con la modalità del “plico telematico”, in ognuno dei giorni impegnati dalle prove scritte, sarà consentito, fino al completamento della stampa delle tracce, esclusivamente il collegamento con la rete internet dei computer utilizzati dal referente del plico telematico.

Il ministero precisa che, al fine di garantire il corretto svolgimento delle prove scritte, la struttura informatica del ministero vigilerà, in collaborazione con la Polizia delle comunicazioni, per prevenire l’utilizzo irregolare della rete internet da parte di qualunque soggetto che si trovi nella scuola.

Esami Stato II grado 2017, indicazioni operative prove scritte: dal plico telematico all’uso di internet. Nota Miur 

Versione stampabile
anief
soloformazione