Esami Stato I grado, prova Invalsi: protocollo somministrazione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Avviate ormai le operazioni propedeutiche allo svolgimento della prova Invalsi nell’ambito dell’esame conclusivo del primo ciclo di Istruzione. 

Dopo la pubblicazione dell’Allegato Tecnico e degli strumenti consentiti per lo svolgimento del fascicolo di Matematica, l’Invalsi ha pubblicato il protocollo di somministrazione, affinché la prova venga somministrata alla stessa maniera su tutto il territorio nazionale. Ciò al fine di rilevare correttamente, quindi in maniera affidabile, i dati.

Ecco le istruzioni:

−ore 8.30: inizio della prova con l’apertura dei plichi in ciascuna classe;
− verifica che tutti i candidati abbiano spento qualsiasi apparecchiatura elettronica o di altra natura che consenta loro di collegarsi alla rete internet e/o scattare fotografie;
− comunicazione a tutti i candidati che per rispondere ai quesiti della Prova nazionale possono utilizzare solo penne a inchiostro blu o nero;
− distribuzione della prova di Matematica a ogni candidato e invito ai candidati ad apporre il proprio nome e cognome, nonché la classe di appartenenza, sulla copertina del proprio fascicolo. I candidati esterni riporteranno nel campo “classe” la dicitura “candidato esterno”;
− invito ad aprire la prova di Matematica alla pagina delle istruzioni e a non iniziare la prova finché il somministratore non lo consentirà;
−prestare la massima attenzione nel momento della distribuzione della prova di Matematica affinché studenti vicini non abbiano la stessa tipologia di fascicolo. Infatti, per ogni prova sono state predisposte cinque versioni differenti (Fascicolo 1, Fascicolo 2, Fascicolo 3,Fascicolo 4, Fascicolo 5) composte dalle stesse domande, ma poste in ordine diverso e/o con le opzioni di risposta permutate in modo differente. La versione della prova è identificata da un codice (ad esempio MAT08F3, ossia prova di Matematica per la classe terza secondaria di primo grado fascicolo 3) posto in basso (piè di pagina) di ogni facciata interna del fascicolo;
−lettura delle istruzioni generali, ad alta voce, da parte del somministratore;
−assicurarsi che i candidati abbiano chiare le modalità di risposta;
−invitare i candidati a leggere attentamente i quesiti e a rispondere a quanto richiesto;
−ricordare che non è consentito l’uso della calcolatrice;
−comunicare l’inizio della prova di Matematica e il tempo a disposizione: 75 minuti; 
−dieci minuti prima della scadenza dei 75 minuti informare i candidati del tempo rimanente;
−ritiro del la prova di Matematica dopo 75 minuti dall’inizio e pausa (15 minuti);
− distribuzione della prova di Italiano a ogni candidato e invito ai candidati ad apporre il proprio nome e cognome, nonché la classe di appartenenza, sulla copertina del proprio fascicolo. I candidati esterni riporteranno nel campo “classe” la dicitura “candidato esterno”;
− prestare la massima attenzione nel momento della distribuzione della prova di Italiano affinché studenti vicini non abbiano la stessa tipologia di fascicolo. Infatti, per ogni prova sono state predisposte cinque versioni differenti (Fascicolo 1, Fascicolo 2, Fascicolo 3, Fascicolo 4, Fascicolo 5) composte dalle stesse domande, ma poste in ordine diverso e/o con le opzioni di risposta permutate in modo differente. La versione della prova è identificata da un codice (ad esempio ITA08F2, ossia prova di Italiano per la classe terza secondari a di primo grado fascicolo 2) posto in basso (piè di pagina) di ogni facciata interna del fascicolo;
−leggere le istruzioni generali, ad alta voce, da parte del somministratore; assicurarsi che i candidati abbiano chiare le modalità di risposta;
-invitare i candidati a leggere attentamente i quesiti e a rispondere a quanto richiesto;
−comunicare l’inizio della prova di Italiano e il tempo a disposizione: 75 minuti;
−dieci minuti prima della scadenza dei 75 minuti informare i candidati del tempo rimanente;
−ritiro della prova di Italiano dopo 75 minuti dall’inizio e fine della prova.
Nella nota vengono, poi, fornite indicazioni relative ai somministratori che, per il fascicolo di italiano, non devono essere della stessa disciplina e, per il fascicolo di matematica, non devono essere di matematica e nemmeno di tecnologia.
Per gli alunni con BES è previsto quanto segue:
-tempo di somministrazione maggiore;
-gli alunni con diagnosi specifica di dislessia o di altri disturbi specifici di apprendimento sosterranno la Prova nazionale con l’ausilio di strumenti compensativi con un tempo aggiuntivo stabilito dalla singola commissione;
−gli alunni con disabilità visiva sosterranno la Prova a carattere nazionale con l’ausilio delle strumentazioni in uso e con un tempo di somministrazione aggiuntivo stabilito dalla singola commissione (generalmente fino a 30 minuti).
Per disabili e BES in generale, oltre a quanto sopra riportato, si applica quanto previsto dalla normativa vigente (ne abbiamo parlato in Esami di Stato secondaria I grado, come comportarsi con alunni 104, DSA e BES. La guida).
Oltre alle indicazioni sulla somministrazione della prova, vengono fornite anche quelle relative alla correzione, che riportiamo di seguito:
1. le correzioni sulle prove (Matematica e Italiano) e qualsiasi annotazione riportata dalla Commissione d’esame sui fascicoli medesimi devono essere effettuate ESCLUSIVAMENTE con penne a inchiostro rosso. Non è ammesso, per nessuna ragione, l’uso di penne che scrivano con inchiostro di colore diverso dal rosso. Il Presidente di Commissione vigila che al momento della correzione della Prova nazionale nessun membro della commissione abbia sul tavolo penne a inchiostro diverso dal rosso;
2. nelle classi campione la correzione della Prova nazionale avviene alla presenza costante e ininterrotta del Presidente di Commissione che vigila sull’intera procedura e che sia scrupolosamente rispettato quanto previsto al precedente punto 1 (uso esclusivo di penne a inchiostro rosso);
3. per tutte le classi, campione e non campione, le risposte degli allievi sono riportate in un’apposita maschera elettronica disponibile il giorno di svolgimento della Prova nazionale (15 giugno 2017) sul sito dell’INVALSI;
4. le istruzioni per l’uso delle maschere di cui al precedente punto 3 sono disponibili sul sito dell’INVALSI a partire dal giorno di svolgimento della Prova nazionale (15 giugno 2017);
5. nelle classi campione l’inserimento delle risposte degli allievi e della correzione delle risposte alle domande aperte avviene alla presenza costante e ininterrotta del Presidente di Commissione. Egli vigila sull’intera procedura e sul rispetto della perfetta corrispondenza tra risposta dell’allievo (e correzione delle risposte alle domande aperte) e quanto effettivamente inserito nella maschera di cui al precedente punto 3.
Versione stampabile
soloformazione