Esami di terza media, solo una tesina e valutazione finale del consiglio di classe come lo scorso anno? Altro nodo per il Governo

Stampa

Anche l’esame di terza media potrebbe seguire lo schema dello scorso anno, con una valutazione complessiva da parte del consiglio di classe e una tesina dello studente. Ma si tratta solo di ipotesi.

Le priorità del nuovo Governo che riguardano la scuola non possono non comprendere una decisione anche sull’esame di terza media: anche se per quanto riguarda l’esame di maturità ancora è tutto in alto mare, almeno nelle settimane precedenti alla fine del Conte-bis si era aperto un dibattito. Sull’esame di Stato del primo ciclo invece nulla. Ecco perchè il nuovo esecutivo ed il nuovo Ministro dovranno accelerare su entrambi i fronti.

Valutazione degli anni intermedi, cosa potrebbe succedere con il nuovo governo

L’ipotesi più verosimile, per quanto riguarda l’esame di terza media, resta al momento la riproposizione del modello dello scorso anno: valutazione finale da parte del consiglio di classe più una tesina dello studente, discussa da casa lo scorso anno a causa del lockdown. Quest’anno si potrebbe pensare a qualcosa in presenza ma restiamo nel campo delle ipotesi.

Il nuovo governo dovrà definire anche la valutazione per gli anni intermedi (in questi giorni si stanno concludendo gli scrutini del primo quadrimestre). L’idea dell’esecutivo precedente, ricorda Il Sole 24 Ore, era quella di ritornare al sistema di promozione/bocciatura applicato fino al 2019, con eventuali recuperi a settembre. Si vedrà se la proposta adesso verrà reiterata.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur