Esami di Stato, nuovo incontro al Ministero per discutere FAQ protocollo di sicurezza. Le richieste Anief

Anief –  Si è appena conclusa la seconda sessione del tavolo permanente presso il Comitato Tecnico Scientifico per il corretto avvio agli Esami di Stato della scuola secondaria, in particolare sul tema di Help Desk e FAQ per i componenti delle commissioni e per gli istituti.

Fermo restando che il protocollo d’intesa firmato era e resta un atto dovuto per far concludere il percorso di studi ai candidati, le criticità legate alla gestione dei flussi e delle copresenze umane non devono prevedere nessuna criticità legata alla organizzazione, limitando in questo modo le residue problematiche solo a eventi accidentali e non prevedili.

La delegazione Anief, composta da Gian Mauro Nonnis, Nanni Saccone e Vito Lo Scrudato, ha posto in rilievo le criticità ancora presenti nelle procedure sotto esame e di cui le FAQ proposte dal ministero devono tenere conto, onde evitare rallentamenti delle operazioni in corso d’opera che lederebbero la bontà delle procedure di prevenzione poste in essere.

In particolare

FAQ n.1

Per lo svolgimento degli Esami di Stato, occorrono interventi specifici di disinfezione?

Secondo il protocollo d’intesa bisogna verificare cosa prevede l’autorità sanitaria regionale, se prevede la sanificazione con ditte specializzate e non la semplice igienizzazione come previsto dal CTS, secondo il ministero “La pulizia approfondita con detergente neutro di superfici in locali generali” è procedura bastante.

FAQ n. 2

Quali ambienti devono essere sanificati per lo svolgimento degli esami di Stato?

L’ANIEF ritiene che la sanificazione potrebbe non essere necessaria solo per i locali che sono rimasti aperti alle attività indifferibili, le procedure di cui al presente sembrano far capo alla igienizzazione di ambienti per cui non è necessaria la sanificazione. Secondo il ministero sanificazione e igienizzazione risultano procedure tra loro assimilabili e “Il Dirigente scolastico assicurerà una pulizia approfondita, ad opera dei collaboratori scolastici”

FAQ n. 5

Chi è tenuto alla presentazione dell’autodichiarazione di cui all’ALLEGATO 1 del <<DOCUMENTO_SCUOLA-ESAMI_DI_STATO_CTS>>?

Secondo il ministero ciascun componente della commissione, ciascun candidato e l’eventuale accompagnatore, per l’espletamento delle procedure per l’esame di stato dovranno dichiarare:

– l’assenza di sintomatologia respiratoria o di febbre superiore a 37.5°C nel giorno di avvio delle procedure d’esame e nei tre giorni precedenti

– di non essere stato in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni;

– di non essere stato a contatto con persone positive, per quanto di loro conoscenza, negli ultimi 14 giorni.

Secondo l’ANIEF resta la criticità sulle procedure nel caso si presentasse un sintomatico, ovvero si interrompono i lavori? Viene nominato un supplente? I candidati del giorno vengono rinviati?

FAQ n. 7 e FAQ n. 9

  1. Come si effettua la convocazione dei candidati per le prove d’esame?
  2. Come si organizzano i flussi di ingresso ed uscita dagli edifici scolastici?

Secondo il ministero “il candidato dovrà presentarsi a scuola 15 minuti prima dell’orario di convocazione previsto e dovrà lasciare l’edificio scolastico subito dopo l’espletamento della prova”, secondo l’ANIEF resta la criticità di eventuali condizioni di meteo avverso, in particolare per le alte temperature che potrebbero sopraggiungere, occorre prevedere un locale al chiuso sia per ospitare i candidati in attesa, sia per eventuali rallentamenti del flusso in uscita e considerare uno spazio specifico da utilizzare almeno 30 minuti prima per i preparativi per gli studenti di corsi coreutici e musicali.

FAQ n. 13

Quali sono i dispositivi di protezione individuale per il candidato e l’eventuale accompagnatore?

Secondo il ministero il candidato e l’eventuale accompagnatore dovranno indossare una mascherina monouso o lavabile, anche auto-prodotte, idonea a fornire un’adeguata barriera….

Secondo l’ANIEF resta la criticità di stabilire chi decide se la barriera è “adeguata”.

FAQ n. 14

I candidati possono togliere la mascherina durante la sessione dell’esame orale?

Secondo il ministero il candidato potrà abbassare la mascherina assicurando però, per tutto il periodo dell’esame orale, la distanza di sicurezza di almeno 2 metri dalla commissione d’esame.

Secondo l’ANIEF manca una espressa indicazione per le performance che prevedono forte traspirazione e sudorazione, in particolare per i candidati dell’AFAM, inoltre per l’esecuzione dei strumenti a fiato nei licei musicali occorre prevedere un parafiato tra commissione e candidato e mantenere perlomeno una distanza 3-4 metri.

FAQ n. 17

Come favorire lo svolgimento dell’esame agli studenti con disabilità certificata?

Secondo il ministero sarà consentita la presenza di eventuali assistenti (es. OEPA, Assistente alla comunicazione); in tal caso è previsto l’utilizzo di guanti oltre la consueta mascherina chirurgica.

Inoltre il Consiglio di Classe ha la facoltà di esonerare lo studente dall’effettuazione della prova di esame in presenza, stabilendo la modalità in video conferenza come alternativa.

Secondo l’ANIEF la modalità telematica deve essere prevista anche per gestire le eventuali richieste motivate di video conferenza da parte di alunni non disabili.

FAQ n.18

Chi può effettuare la certificazione dello stato di “lavoratore fragile”?

L’individuazione dei lavoratori “fragili” può essere effettuata anche dal medico di base, qualora non sia possibile ricorrere al medico competente o ai servizi ASL.

Da alcune testimonianze è emerso che alcuni medici di famiglia o medici competenti non rilasciano la certificazione di fragilità, inoltre nell’eventualità in cui il medico di base e il medico competente avessero pareri differenti, quale parere prevale? C’è ancora molta confusione sull’età e le “patologie”.

FAQ n. 20

Chi posso contattare per assistenza in ambito sanitario con riferimento allo svolgimento degli esami?

Secondo la convenzione la Croce Rossa Italiana mette a disposizione un numero telefonico dedicato alle scuole.

L’ANIEF rileva come la CRI potrebbe non avere il personale sufficiente per tutte le scuole: cosa accade nel caso di maggiore richieste di presenza degli operatori della Croce Rossa Italiana?

A margine sarebbe opportuno inserire una 29esima FAQ: Quale docente di sostegno assiste l’alunno diversamente abile?

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia