Esami di Stato, nel 2020 solo tesina per scuola media e colloquio orale per la Maturità

Stampa

Dopo l’anticipazione, o meglio l’ufficialità della comunicazione del Premier Conte sul mancato rientro in classe per quest’anno, si delineano con certezza le modalità degli esami di Stato. 

Non dovendo più attendere la data del 18 maggio,  l’unica parte del Decreto Scuola a rimanere in piedi è quella che prevede solo lo svolgimento della tesina per la scuola secondaria di I grado e il colloquio orale per la secondaria di II grado.

Esami Stato I grado Requisiti 2019/20

L’articolo 1, comma 6, del decreto dell’8 aprile 2020, riguardo all’ammissione degli studenti all’esame di Stato di primo grado, dispone che per il solo anno scolastico 2019/20 si prescinde dai requisiti previsti dagli articoli 5, comma 1, 6, 7, comma 4, e 10, comma 6, del D.lgs. 62/2017.

Alla luce di quanto detto sopra, per l’ammissione agli esami:

  • non è richiesta la frequenza di almeno tre quarti del monte ore annuale personalizzato;
  • non si tiene conto dei livelli di apprendimento raggiunti, ossia si è ammessi anche in caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o piu’ discipline;
  • non è richiesto lo svolgimento delle prove Invalsi;
  • non si tiene inoltre conto della disposizione (prevista sempre dall’articolo 6 del D.lgs 62/217) di non essere incorsi nella sanzione disciplinare prevista dall’articolo 4, commi 6 e 9 bis, del DPR n. 249/1998 (ove si dispone l’esclusione dalla scrutinio finale per comportamenti connotati da una gravità tale da costituire un elevato allarme sociale);
  • non si tiene conto della possibilità del consiglio di classe di non ammettere l’alunno in casi parziale o  mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o piu’ discipline.

In definitiva, tutti gli studenti sono ammessi a svolgere l’esame.

Voto di ammissione

Quanto al voto di ammissione  (in decimi) agli esami, si dovrà tener conto del processo formativo e dei risultati di apprendimento conseguiti sulla base della programmazione svolta.

Svolgimento esame

Ci sarà un’ordinanza ministeriale che disciplinerà

  • la sostituzione dell’esame di Stato con la valutazione finale, da parte del consiglio di classe, che tiene conto altresì di un elaborato del candidato;
  • le modalità e i criteri per l’attribuzione del voto finale.

L’elaborato sarà definito dalla medesima ordinanza.

Saranno previste specifiche disposizione per i candidati privatisti, salvaguardando l’omogeneità di svolgimento rispetto all’esame dei candidati interni.

Secondaria II grado

L’ordinanza ministeriale disciplinerà

  • l’eliminazione delle prove scritte d’esame
  • la sostituzione delle suddette prove con un unico colloquio (anche telematico), stabilendone contenuti, modalità e punteggi

Giuseppe Conte: a scuola a settembre, è in gioco salute dei nostri figli ed età media docenti elevata

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur