Esami di Stato di I grado, voto finale: come si calcola. Esempio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il voto finale dell’esame di Stato di I grado, dallo scorso anno scolastico, è attribuito in maniera diversa che in passato, in seguito alle novità introdotte dal decreto legislativo 62/2017.

Vediamo come avviene la valutazione suddetta, riportando anche un esempio.

Voto finale

La valutazione finale è deliberata dalla Commissione d’esame, su proposta della Sottocommissione.

La valutazione finale, espressa con votazione in decimi, deriva dalla media, arrotondata all’unità superiore per frazioni pari o superiori a 0,5 tra: voto di ammissione e media dei voti delle prove scritte e del colloquio.

Nello specifico:

  1. la prima media servirà preliminarmente alla commissione per arrivare alla media tra i voti delle singole prove e del colloquio, senza applicare però, in questa fase, arrotondamenti all’unità superiore o inferiore;
  2. la seconda media, quella che determinerà il voto finale, si calcolerà tra il voto di ammissione e il risultato ottenuto dalla prima media cioè la media dei voti delle prove scritte e del colloquio. In questo caso il voto è eventualmente arrotondato all’unità superiore per frazioni pari o superiori a 0,5 e proposto alla Commissione in seduta.

In definitiva media tra voto di ammissione e media voti (senza arrotondamento) conseguiti nella prove.

L’esame è superato con una votazione complessiva di almeno sei decimi.

Il voto finale dei candidati privatisti scaturisce dalla sola media dei voti attribuiti alle tre prove scritte ed al colloquio. Il voto, così determinato, è arrotondato all’unità superiore in caso di frazioni pari o superiori a 0,5.

Esempio calcolo voto finale

Facciamo l’esempio di un alunno ammesso dal consiglio di classe con 8/10.

Esempio:

alunno ammesso con 8; valutazione prova di italiano 6, di matematica 7, di lingue 6 e 7 nel colloquio;

voto finale: media tra 8 (voto di ammissionee media tra 6, 7, 6, 7 (voti prove)= media tra 8 (voto di ammissione) e 6,50 (media voti delle prove) = 14.50:2= 7,25= 7.

Attribuzione della lode

La lode può essere attribuita all’alunno che consegue una valutazione finale di 10/10.

La Sottocommissione propone la lode, tenuto conto delle valutazioni conseguite dal candidato nel percorso scolastico e degli esiti delle prove d’esame; la Commissione la delibera all’unanimità.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione