Esami di Stato 2022, il Ministero al lavoro. Maxi colloquio rimane una possibilità

WhatsApp
Telegram

L’emergenza Covid, rispetto agli ultimi due anni scolastici, è destinata ad essere sempre più sotto controllo. Nel 2022 potrebbe arrivare il momento di ripristinare la maturità come si svolgeva prima della pandemia con due scritti e un orale.

L’unica certezza, al momento, è che l’eventuale prova scritta inizierà il 22 giugno alle 8.30. Per il resto, al momento, c’è silenzio o quasi sulla questione.

Maturità 2022, la prima prova scritta fissata per mercoledì 22 giugno alle 8.30

Il governo è al lavoro per trovare una soluzione entro Natale. Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi non ha escluso che la tesina possa rimanere e più volte ha ribadito che ha apprezzato l’impegno profuso dagli studenti nella stesura dell’elaborato: “Stiamo valutando con grande attenzione quanto accaduto lo scorso anno. Ho visto un grande impegno di ricerca da parte dei ragazzi, stiamo valutando con il personale, i dirigenti e gli studenti stessi, ci stiamo ragionando”.

Il ministro dell’Istruzione, dunque, lascia intuire che ci possano essere delle novità: “Partiremo da quella dell’anno scorso. Ha dato ottimi risultati. Al centro resterà l’elaborato realizzato dal maturando a casa e discusso all’esame”, ha detto a metà settembre a La Repubblica.

Maturità 2022, possibili modifiche per quest’anno. L’elaborato-tesina realizzato dallo studente rimarrà

Sul futuro delle prove scritte, dunque, c’è fermento e, sicuramente, saranno uno dei punti più importanti da discutere, sia sulla loro “necessità” in termini didattici e di valutazione, sia in relazione all’emergenza sanitaria.

L’esame di stato durante la pandemia

Ricordiamo che lo scorso anno l’esame era composto da un elaborato assegnato dal Consiglio di classe entro il 30 aprile e inerente al percorso svolto e delle discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi.

Sulla base dell’elaborato, si avviava un colloquio orale che comprendeva, inoltre: discussione di un testo già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di Lingua e letteratura italiana; analisi di materiali (un testo, un documento, un’esperienza, un problema, un progetto) predisposti dalla commissione con trattazione di nodi concettuali caratterizzanti le diverse discipline; esposizione dell’esperienza svolta nei PCTO (Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento).

Esami di Stato 2022, Bianchi: “Su maturità e terza media stiamo ragionando”

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO