Esami di riparazione, c’è tempo fino all’8 settembre

WhatsApp
Telegram

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha fornito chiarimenti importanti per migliaia di studenti e le loro famiglie, pronti ad affrontare il periodo estivo con l’obiettivo di recuperare i debiti formativi.

In una circolare diffusa a metà giugno, il Ministero aveva inizialmente fissato il termine degli esami di riparazione per la fine di agosto, suscitando preoccupazioni tra gli istituti scolastici e le famiglie. Tuttavia, una recente nota ufficiale ha rimodulato il calendario, spostando la scadenza all’8 settembre.

Il riferimento viene fatto alla regolamentazione del 2007, introdotta dall’ex Ministro Fioroni, che indicava il 31 agosto come data limite. Ma, come evidenziato nella nota, nei passati anni si è osservata una certa flessibilità, permettendo lo svolgimento degli esami fino alla prima settimana di settembre, sempre prima dell’inizio delle lezioni.

L’adeguamento del calendario rappresenta una risposta alle necessità organizzative delle scuole e mira a garantire tranquillità sia agli istituti che alle famiglie. Questo cambiamento permette di assicurare una maggiore flessibilità nella gestione delle sessioni d’esame, fornendo allo stesso tempo agli studenti un po’ più di tempo per prepararsi al meglio.

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha sottolineato l’importanza della prassi consolidata, confermando che gli studenti avranno la possibilità di sostenere gli esami di recupero entro la nuova data indicata. Con questa decisione, il Ministero sembra voler mantenere un equilibrio tra le esigenze dei vari attori coinvolti, dimostrando attenzione e sensibilità verso le problematiche del mondo scolastico.

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA