Esami di Maturità e rientro a settembre, test sierologici a tappeto per studenti e docenti? Cosa sono e come funzionano

Il commissario per l’emergenza, Domenico Arcuri, ha annunciato oggi in conferenza stampa l’avvio il 4 maggio dei test sierologici su 150 mila persone. Test anche per studenti e docenti?

Cosa sono i test sierologici

I test serviranno per sapere se si è venuti a contatto con il Covid 19. Il test, come spiegato da Locatelli, “si effettua con un prelievo venoso sul sangue del paziente e si ricercano gli anticorpi prodotti contro il Sars-Covid-2“. Dunque attraverso il sangue si cercano gli anticorpi che l’organismo produce in risposta al Coronavirus, si misurano gli anticorpi IgM e IgG che vengono prodotti in caso di infezione. Mentre “alcuni test valutano anche le IgA, cioè gli anticorpi presenti sulla superficie delle mucose dell’apparato respiratorio“. I test sierologici si differenziano dai tamponi fatti fino ad ora poiché questi ultimi segnalano se è in corso l’infezione, mentre i test sierologici mostrano la storia della pregressa esposizione al virus.

Test per rientrare a scuola?

Qualche settimana fa, tra gli altri, era stato il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, a proporre i test sierologici per il rientro a scuola. “Bisogna fare l’esame del sangue a tutti i nostri studenti o almeno il test sierologico” aveva detto Renzi.

Potrebbe accadere dunque che i test sierologici vengano effettuati a tappeto per studenti e docenti in vista degli esami di Maturità, in particolare se il colloquio dovesse svolgersi in presenza e, in generale, per il rientro a scuola a settembre.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia