Esami di maturità 2020, la valutazione dell’esame e adempimenti conclusivi. Guida

di Giovanna Onnis

item-thumbnail

A conclusione dell’Esame di Stato la sottocommissione deve riunirsi per mettere in atto tutte le operazioni relative alla valutazione finale e all’elaborazione dei relativi atti, subito dopo la conclusione dei colloqui relativi alla stessa sottocommissione.

Valutazione dell’Esame

A ciascuno studente che ha sostenuto l’Esame di Stato deve essere assegnato dalla sottocommissione un punteggio finale complessivo in centesimi, che è il risultato della somma dei punti attribuiti al colloquio, per un massimo di quaranta punti, e dei punti acquisiti per il credito scolastico, per un massimo di sessanta punti.

Punteggio minimo e punteggio massimo

Il punteggio minimo complessivo per superare l’Esame di Stato è di sessanta centesimi (60/100)

Il punteggio massimo che può essere attribuito per l’Esame di Stato è di cento centesimi (100/100)

La sottocommissione può motivatamente integrare il punteggio fino a un massimo di cinque punti, sulla base dei criteri stabiliti in sede di riunione preliminare, come indicato nell’articolo 15, comma 8, lettera b) dell’OM sull’Esame di Stato 2020.

I criteri per l’eventuale attribuzione del punteggio integrativo, fino a un massimo di cinque punti, ai quali l’Ordinanza fa riferimento, devono prendere in considerazione il processo formativo e i risultati di apprendimento conseguiti sulla base della programmazione svolta e potranno essere applicati per gli studenti che conseguono un credito scolastico di almeno cinquanta punti e un risultato nella prova di esame pari almeno a trenta punti

Attribuzione della lode

I criteri per l’attribuzione della lode vengono stabiliti dalla sottocommissione d’esame in sede di riunione preliminare.

Come stabilito nell’art.23 comma 5 dell’Ordinanza ministeriale sull’Esame di Stato 2020 la sottocommissione può, infatti, all’unanimità attribuire la lode agli studenti che conseguono il punteggio massimo di cento punti senza fruire dell’integrazione del punteggio fino a un massimo di cinque punti, a condizione che:

a) abbiano conseguito il credito scolastico massimo con voto unanime del Consiglio di classe

b) abbiano conseguito il punteggio massimo previsto alla prova d’esame.

Rilascio del diploma

I presidenti delle commissioni sono competenti al rilascio dei diplomi.

Al termine dell’Esame, ove sia possibile redigere in tempo utile i diplomi, la commissione può provvedere a consegnare gli stessi direttamente ai candidati che hanno superato l’Esame

Nel caso in cui i diplomi non siano disponibili per la firma prima del termine di chiusura della sessione d’esame, i presidenti medesimi delegano il Dirigente scolastico dell’istituto sede d’esame a provvedere alla compilazione, alla firma e alla consegna dei diplomi stessi.

I certificati rilasciati dai Dirigenti delle istituzioni scolastiche, a richiesta degli interessati, a seguito della Direttiva n. 14 del 2011 del Ministro della pubblica amministrazione e della semplificazione, emanata in attuazione dell’articolo 15, comma 1, della legge 12 novembre 2011, n. 183, devono riportare, a pena di nullità, la dicitura: “Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi”.

Tale dicitura non deve essere apposta sull’originale del diploma di superamento dell’Esame di Stato, in quanto il diploma non costituisce certificato, ma titolo di studio.

Maturità 2020, ecco ordinanza definitiva ANTEPRIMA: commissione si riunisce il 15 giugno, assenze docenti, come si svolge colloquio

Versione stampabile
soloformazione