Esame Stato I grado, Faq su: ruolo Invalsi, criteri ammissione, commissione e prove

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’USR Campania ha pubblicato delle faq relative all’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione, frutto delle conferenze di servizio  provinciali in materia di valutazione ed esami di Stato.

Le Faq sono suddivise per argomento: ruolo Prove Invalsi, Criteri di Ammissione, Commissione e prove d’esame.

PROVE INVALSI

D. Considerato che gli alunni BES (non certificati) sostengono le prove senza poter fruire di misure compensative o dispensative, se i risultati dovessero essere gravemente insufficienti essi potranno ugualmente essere ammessi all’esame?

R. Il merito delle prove Invalsi non incide sull’ammissione, condizionata solo dal loro svolgimento. L’ammissione è deliberata dal CdC sulla base dei criteri fissati dal Collegio

D. Se per motivi tecnici non si completano o non si svolgono le prove, come ci si regola?

In caso di problemi tecnici l’Invalsi, se tempestivamente informato, fornirà soluzioni e riaprirà «i nodi». Il sistema comunque compie un refresh di back up in automatico per cui, in caso di interruzione, le risposte già fornite non andranno perdute

D. E’ possibile completare le prove in un numero di giorni inferiore a quello concesso da Invalsi impegnando anche le ore pomeridiane?

R. La collocazione dello svolgimento delle prove in orario pomeridiano è fortemente sconsigliata

CRITERI DI AMMISSIONE

D. In che modo far valere gli esiti delle prove INVALSI sul giudizio di ammissione?

R. Si tratta di valutazioni affidate al CdC sulla base dei criteri prefissati dal Collegio

D. Quale «peso» attribuire al percorso triennale dell’alunno ai fini dell’ammissione?

R. Il riferimento al percorso triennale era già prescritto nel D.P.R. 122/2009, art. 3, comma 2

D. Quale «peso» va attribuito alla certificazione delle competenze elaborata in sede di scrutinio finale in sede di valutazione delle prove scritte e del colloquio?

R. Si tratta di elementi non interagenti

COMMISSIONE

R. Il Dirigente scolastico impegnato negli esami di stato può farsi sostituire?

D. In caso di assenza e/o impedimento e/o di reggenza di altra Istituzione Scolastica il DS va sostituito da un docente collaboratore non impegnato in alcuna sottocommissione e non in servizio nella Scuola primaria

R. Il Dirigente scolastico che abbia il figlio che sostiene l’esame nella Scuola di servizio deve essere sostituito?

Stante la situazione di incompatibilità, si provvede come nel caso di cui al punto precedente

Si tratta, in entrambi i casi, di sostituzione del DS e non di delega delle funzioni di coordinatore che devono invece essere affidate ad un componente di una delle Sottocommissioni.

PROVE D’ESAME

D. Le prove di Lingua straniera dovranno essere svolte in un’unica soluzione oppure si può prevederne lo svolgimento in giorni diversi o nello stesso giorno in modo separato e secondo il tempo previsto dalla normativa?

R. La prova è unica, la durata è decisa dalla commissione nella seduta preliminare.

D. È possibile fare una media degli esiti della prova di inglese e della seconda lingua comunitaria ai fini dell’attribuzione del voto unico?

La norma non prevede esplicitamente la media.

D. Per la prova di matematica è consentito l’uso della calcolatrice?

R. La decisione è affidata alla Commissione in sede di riunione preliminare

D. Per la prova scritta d’italiano, la Commissione, nel predisporre le tre terne di tracce deve prevedere una delle tre tipologie o una sola tipologia?

R. Più di una tipologia, anche in forma combinata

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare