Maturità, “il tema storico non scompare”. Però si trasforma

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Falsa la notizia – secondo Marco Campione – circolata nei giorni scorsi sulla eliminazione del tema di storia dall’esame di Stato.

E’ una bufala, o “Fake news, come si direbbe oggi” scrive Marco Campione sulla notizia circa l’eliminazione del tema storico dall’esame di Stato.

Insomma, i laudatores temporis acti in servizio permanente effettivoscrive Marco Campione, ex membro del Gabinetto del precedente Ministro dell’istruzione(i veri nemici della scuola e dei suoi studenti) sono pronti alla pugna. Prima che i vari Settis, Galli della Loggia e Gramellini si gettino nell’agone, con spirito collaborativo e per evitare loro una figuraccia, pubblico un estratto delle indicazioni della commissione Serianni.

Tranquilli – conclude Campione – la storia è viva e lotta insieme a noi“.

In realtà la tipologia Tema storico (una delle 4 dell’esame di Stato fino all’a.s. 2017/18) non è più presente nel nuovo Esame di Stato, che debutterà nell’a.s. 2018/19.

L’ambito storico rimane invece uno tra quelli proposti per la traccia B (riflessione critica di carattere espositivo – argomentativo), per il cui svolgimento verranno proposte tre tracce di carattere: artistico, letterario, storico, filosofico, scientifico, tecnologico, economico.  Quindi non è detto che la traccia di carattere storico sarà presente ogni anno nella nuova prova di Italiano.

Maturità 2019, abolito il tema di storia

Tutto sulla riforma Esami di Stato

Versione stampabile
anief
soloformazione