Errori grammaticali a scuola da brivido! Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Mario Bocola – A scuola bisogna insistere sulla grammatica italiana per insegnare agli alunni a scrivere bene e lo si dovrebbe fare incentivando la lettura, unica “medicina” in grado di curare gli errori grammaticali e lessicali che gli alunni compiono tra i banchi di scuola.

Tra gli errori più comuni risultano i verbi, in particolar modo quello sconosciuto e ostico congiuntivo; a seguire figurano gli articoli determinativi ed indeterminativi sia maschili che femminili ed anche la confusione dell’uso della C al posto della Q.

Vi è poi un errore frequente che è quello tra “qual è” e “qual è” che si scrive senza l’apostrofo. Per proseguire poi con “un pò” e “un po’” (che va apostrofato e non accentato) perché si tratta di un troncamento di “poco”.

Un altro errore frequente è quello tra “purtroppo” e “pultroppo” e “propio” al posto di “proprio”. Insomma questi errori da lapis blu sono molto frequenti a scuola e sarebbe necessario farli ricopiare sempre agli alunni.

Un deficit è dovuto indubbiamente alla mancanza di lettura a casa per cui possiedono un lessico molto povero di sostanza e di contenuti.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione