Erasmus in Italia, Bernini: “Opportunità accessibile a tutti, nostra intenzione darà ulteriore sostegno, fondi in più con la prossima Legge di Bilancio”

WhatsApp
Telegram

“L’Erasmus italiano è un modo prima di tutto per consentire agli studenti di muoversi tra i diversi atenei italiani, creando figure professionali e accademiche quanto più possibile multidisciplinari”

Lo ha detto la ministra dell’Università e della ricerca Anna Maria Bernini rispondendo, durante il question time alla Camera, a un’interrogazione sullo stato di attuazione del cosiddetto programma “Erasmus italiano”.

Poi aggiunge: “Il progetto di mobilità italiana rappresenta anche un’occasione per frenare i tassi di mobilità: oggi gli studenti si muovono quasi esclusivamente lungo l’asse Sud-Nord. Il decreto che lo istituisce è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 27 luglio scorso. L’Erasmus nazionale è, quindi, una realtà possibile”.

Si tratta “di un’opportunità accessibile per tutti”, spiega la ministra, la quale informa che “già alcuni consigli di amministrazione di università, come quelle di Bergamo e di Reggio Calabria, hanno adottato un progetto pilota, coinvolgendo le lauree magistrali in Ingegneria e Scienze della formazione primaria”.

Per quel che riguarda il recepimento generale da parte delle università, aggiunge Bernini, “è in corso di valutazione l’adozione di un meccanismo semplificato per l’adeguamento dei Regolamenti didattici d’Ateneo entro la data del 30 novembre 2023. Questo faciliterà anche il moltiplicarsi dei progetti su tutto il territorio. È nostra intenzione, inoltre, dare ulteriore sostegno a questa misura reperendo adeguate risorse da destinarvi già con la prossima legge di bilancio”.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri