Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Epidemie nella storia del genere umano, in occasione della giornata mondiale contro la Malaria: scarica UdA

Stampa

La “Giornata mondiale contro la malaria”, che si tiene il 25 aprile di ogni anno, è una giornata riconosciuta a livello internazionale, che sottolinea gli sforzi globali per controllare la malaria e celebra i risultati ottenuti. Dal 2000, il mondo ha compiuto progressi storici contro la malaria, salvando milioni di vite. Tuttavia, metà del mondo vive ancora a rischio di questa malattia prevenibile e curabile, che costa la vita di un bambino ogni due minuti.

I successi contro la malaria

Nella Giornata mondiale contro la malaria celebriamo i successi nella lotta contro la malaria, evidenziamo la responsabilità che abbiamo tutti di porre fine alla malaria entro una generazione e esortiamo i leader a intensificare la lotta e avvicinarci a un mondo libero dalla malaria.

Negli ultimi due decenni abbiamo fatto grandi progressi nella lotta alla malaria, salvando più di 7 milioni di vite e prevenendo oltre 1 miliardo di casi di malaria.

La Giornata mondiale contro la malaria 2021

La Giornata mondiale contro la malaria 2021 unificherà e si baserà sul movimento “Zero Malaria Starts with Me” e sulla campagna giovanile “Draw the Line Against Malaria”. Il tema di quest’anno, “Zero Malaria. Traccia la linea contro la malaria”, esplorerà e collegherà l’eliminazione della malaria e la malaria in ambienti ad alto carico.

Gli obiettivi per la Giornata mondiale contro la malaria

Gli obiettivi per la Giornata mondiale contro la malaria di quest’anno sono:

  • Evidenzia i successi dei paesi nella lotta alla malaria.
  • Ispira un nuovo gruppo di paesi che hanno il potenziale per eliminare la malattia entro il 2025.
  • Dimostrare che zero malaria è alla portata di tutti i paesi.

Quasi zero casi di malaria

In vista della Giornata mondiale contro la malaria, celebrata ogni anno il 25 aprile, l’OMS si congratula con il numero crescente di paesi che si stanno avvicinando e raggiungendo lo zero casi di malaria. Una nuova iniziativa lanciata oggi mira a fermare la trasmissione della malattia in altri 25 paesi entro il 2025.

Degli 87 paesi con la malaria, 46 hanno segnalato meno di 10 000 casi di malattia nel 2019 rispetto a 26 paesi nel 2000. Entro la fine del 2020, 24 paesi avevano riferito di aver interrotto la trasmissione della malaria per 3 anni o più. Di questi, 11 sono stati certificati senza malaria dall’OMS.

Fattori chiave del successo

Sebbene il percorso di eliminazione di ogni paese sia unico, sono stati riscontrati fattori di successo comuni in tutte le regioni.

La maggior parte dei paesi che raggiungono lo zero della malaria hanno sistemi di assistenza sanitaria primaria forti che garantiscono l’accesso ai servizi di prevenzione, diagnosi e trattamento della malaria, senza difficoltà finanziarie, per tutti coloro che vivono all’interno dei propri confini, indipendentemente dalla nazionalità o dallo stato giuridico.

Anche i sistemi di dati robusti sono la chiave del successo, insieme a un forte coinvolgimento della comunità. Molti paesi che eliminano la malaria si sono affidati a reti dedicate di operatori sanitari volontari per rilevare e curare la malattia in aree remote e difficili da raggiungere.

Nuovo rapporto: “Concentrarsi sull’eliminazione della malaria”

Attraverso l’iniziativa E-2020, lanciata nel 2017, l’OMS ha supportato 21 paesi nei loro sforzi per arrivare a zero casi di malaria entro la tempistica del 2020. Un nuovo rapporto dell’OMS riassume i progressi e le lezioni apprese in questi paesi negli ultimi 3 anni.

Secondo il rapporto, 8 dei paesi membri di E-2020 hanno segnalato zero casi indigeni di malaria umana entro la fine del 2020: Algeria, Belize, Capo Verde, Cina, El Salvador, Repubblica islamica dell’Iran, Malesia e Paraguay. In Malesia, il parassita P. knowlesi , normalmente presente nelle scimmie, ha infettato circa 2600 persone nel 2020.

Numerosi altri paesi hanno fatto ottimi progressi: Timor Est ha segnalato solo 1 caso indigeno, mentre altri 3 paesi – Bhutan, Costa Rica e Nepal – hanno segnalato meno di 100 casi.

Basandosi sui successi dell’E-2020, l’OMS ha identificato un nuovo gruppo di 25 paesi che hanno il potenziale per eliminare la malaria entro un periodo di 5 anni. Attraverso l’iniziativa E-2025, lanciata oggi, questi paesi riceveranno supporto specializzato e guida tecnica mentre lavorano verso l’obiettivo della malaria zero.

Eliminazione della malaria nel Grande Mekong

Di fronte alla continua minaccia di resistenza ai farmaci antimalarici, anche i paesi della sottoregione del Grande Mekong hanno fatto passi da gigante verso il loro obiettivo comune di eliminazione entro il 2030.

Nei 6 paesi della sottoregione – Cambogia, Cina (provincia dello Yunnan), Repubblica democratica popolare del Laos, Myanmar, Thailandia e Vietnam – il numero di casi di malaria è diminuito del 97% tra il 2000 e il 2020. I decessi per malaria sono stati ridotti di oltre 99% in questo stesso periodo di tempo, da 6000 a 15.

Affrontare la malaria durante una pandemia globale

Nel 2020, COVID-19 è emerso come una seria sfida alle risposte alla malaria in tutto il mondo. Sin dai primi giorni della pandemia, l’OMS ha esortato i paesi a mantenere i servizi sanitari essenziali, anche per la malaria, garantendo al contempo che le comunità e gli operatori sanitari siano protetti dalla trasmissione di COVID-19.

Ascoltando l’appello, molti paesi endemici della malaria hanno risposto in modo impressionante alla pandemia, adattando il modo in cui forniscono servizi per la malaria alle restrizioni COVID-19 imposte dai governi. Come risultato di questi sforzi, lo scenario peggiore di un’analisi di modellazione dell’OMS è stato probabilmente evitato. L’ analisi ha rilevato che se l’accesso alle reti e ai farmaci antimalarici fosse fortemente ridotto, il numero di morti per malaria nell’Africa subsahariana potrebbe raddoppiare nel 2020 rispetto al 2018.

Persistono interruzioni sostanziali ai servizi sanitari

Tuttavia, a più di un anno dall’inizio della pandemia, persistono interruzioni sostanziali ai servizi sanitari in tutto il mondo. Secondo i risultati di un nuovo sondaggio dell’OMS, circa un terzo dei paesi in tutto il mondo ha segnalato interruzioni nei servizi di prevenzione, diagnosi e trattamento della malaria durante il primo trimestre del 2021.

Blocchi e restrizioni alla circolazione di persone

In molti paesi, blocchi e restrizioni alla circolazione di persone e merci hanno portato a ritardi nella consegna di zanzariere trattate con insetticida o campagne di irrorazione di insetticidi per interni. I servizi di diagnosi e cura della malaria sono stati interrotti poiché molte persone non erano in grado – o non volevano – di cercare assistenza nelle strutture sanitarie.

Battere la paura

L’OMS chiede a tutte le persone che vivono nei paesi colpiti dalla malaria di “battere la paura”: le persone con la febbre dovrebbero recarsi presso la struttura sanitaria più vicina per essere sottoposte a test per la malaria e ricevere le cure di cui hanno bisogno, nel contesto dei protocolli nazionali COVID-19 .

Malaria in cifre: onere globale e regionale

Nel 2019, ci sono stati circa 229 milioni di casi di malaria e 409000 decessi correlati alla malaria in 87 paesi. I bambini di età inferiore ai 5 anni nell’Africa subsahariana hanno continuato a rappresentare circa i due terzi dei decessi globali per malaria.

Obiettivo: zero malaria

Sebbene i progressi nella risposta globale alla malaria si siano arrestati negli ultimi anni, un numero crescente di paesi con un basso carico di malaria si sta avvicinando e raggiungendo l’obiettivo della trasmissione zero della malaria. Tra il 2000 e il 2020, 24 paesi hanno segnalato zero casi indigeni di malaria per 3 o più anni. Questi paesi includono: Algeria, Argentina, Armenia, Azerbaigian, Capo Verde, Cina, Egitto, El Salvador, Georgia, Repubblica islamica dell’Iran, Iraq, Kazakistan, Kirghizistan, Malesia, Marocco, Oman, Paraguay, Sri Lanka, Repubblica araba siriana, Tagikistan, Turchia, Turkmenistan, Uzbekistan e Emirati Arabi Uniti.

Una Unità di apprendimento sull’epidemia

Sull’epidemia sono state realizzate alcune UDA. Tra queste quella dell’I.I.S.S. Elena di Savoia – Piero Calamandrei diretto magistralmente dal Dirigente Scolastico Prof. Carlo De Nitti. Titolo dell’Unità didattica per Competenze della Prof.ssa Alba Raguso “le epidemie nella storia del genere umano”. L’attività è centrata sull’approfondimento di un fenomeno scientifico e le implicazioni sull’immaginario collettivo determinate. Ricerca e produzione di video relazione sulle epidemie nella storia del genere umano e sullo studio delle prevenzioni. L’UdA ha la finalità di “Produzione di un ipertesto che evidenzi i processi di continuità e cambiamento negli eventi epidemiologici che hanno colpito l’uomo”.

Uda Epidemie

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata