Enea,oltre 300 ragazzi in percorsi scuola-lavoro, Fedeli, ‘lavoriamo per formare i cittadini del domani’

WhatsApp
Telegram

Oltre 300 ragazzi coinvolti, 15 tra licei, istituti tecnici e professionali di 5 Regioni e 6 tra Centri di ricerca e Centri di consulenza energetica integrata Enea quali sedi ospitanti: questi alcuni dei numeri che caratterizzano i nuovi percorsi Enea di Alternanza Scuola-Lavoro (ASL), iniziativa presentata nella ‘Giornata Inaugurale dell’Alternanza Scuola-Lavoro’ che si è tenuta presso la sede centrale dell’Agenzia con la partecipazione di docenti, studenti e ricercatori.

I progetti formativi copriranno i diversi settori di attività dell’Enea, fra i quali l’efficienza energetica, l’uso efficiente delle risorse e la simbiosi industriale, la tutela e la valorizzazione dei beni culturali, le tecnologie hi-tech, il cambiamento climatico, la produzione di energia da fonti rinnovabili e il risanamento e la ristrutturazione urbanistica. “Iniziamo oggi un’attività impegnativa, certo, ma che, unita all’entusiasmo con cui da sempre l’Enea ha accolto – fa sapere il presidente dell’Enea Federico Testa – i progetti che avvicinano i giovani al mondo della ricerca scientifica e tecnologica, saprà arricchire il bagaglio di conoscenze di questi ragazzi e consolidare il ruolo di attore di sviluppo del Paese dell’Agenzia”.

“L’obiettivo dell’Alternanza Scuola-Lavoro – ha spiegato la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli – è aprire gli occhi delle nuove generazioni sul futuro. Consente loro di fare esperienza diretta di un mondo che avvertono distante nel tempo, ma al quale si orientano già nel presente con le scelte che compiono durante il loro percorso di formazione. Grazie a questa misura, che abbiamo reso obbligatoria con la Buona Scuola, le studentesse e gli studenti – prosegue Fedeli – possono mettersi alla prova, sviluppare competenze e abilità utili per il domani, conoscere i meccanismi del mercato del lavoro. E, nel caso specifico dell’iniziativa messa in campo da Enea, scoprire le ricadute dirette, in termini di crescita e sviluppo, dell’attività di ricerca, motore di progresso del Paese. Stiamo lavorando per formare cittadine e cittadini protagonisti del domani. E lo stiamo facendo insieme – conclude la ministra dell’Istruzione – ciascuno per il proprio ruolo e per la propria parte”.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria: diventerà annuale. Nessuna prova preselettiva. Eurosofia mette a disposizione i propri esperti