Emiliano sfida il governo: “Va garantito il diritto delle persone che vogliono tenere i bambini a casa di scegliere la didattica a distanza”

WhatsApp
Telegram

Il governo mette un freno alle Regioni e nel decreto Covid approvato inserisce la norma che limita il potere d’azione degli Enti Locali. Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, però, non ci sta.

“Va garantito il diritto delle persone che vogliono tenere i bambini a casa di scegliere la didattica a distanza. Noi nel pieno della terza ondata facciamo il contrario della Francia, che ha chiuso le scuole, della Germania che non le ha mai aperte, e dell’Inghilterra che le ha tenute chiuse sino al completamento delle vaccinazioni”.

Decreto Covid: dal 7 al 30 aprile fino alla prima media in presenza in tutta Italia. Ecco come si rientrerà, tutte le misure del Governo

“Le Regioni – ha aggiunto il governatore – non hanno più poteri di controllo della curva epidemiologica: lo Stato li ha tolti. Non possiamo più incidere. Anche sulla scuola questo potere è stato eliminato, resta da capire se il decreto lascerà una forma di libertà”.

“Che succede a quelle famiglie che, per tutelare se stesse, preferiscono la Dad piuttosto che le lezioni in presenza? C’è un diritto tutelato dalla Costituzione e il governo ne dovrà tenere conto. In Puglia – ha concluso Emiliano – il numero di genitori infettati dai figli è abbastanza consistente”.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito