Emilia Romagna, parte il viaggio del Digital School Bus: il mini-pullman ecologico e ipertecnologico che porta il digitale nelle scuole 

WhatsApp
Telegram

Oggi, alla scuola Primaria di Ponte dell’Olio (Pc), tappa inaugurale dell’iniziativa finanziata con 375mila euro di risorse nell’ambito del progetto Appennino Smart e Aree Interne Emilia-Romagna. Il van, completamente elettrico e attrezzato con droni, visori per la realtà aumentata, robot, in tour negli istituti dei Comuni delle valli Valtaro, Valceno, Val Nure e Val d’Arda. Da un’idea di Italo Ravenna

Quando l’idea di una persona diventa un servizio per la comunità. L’intuizione l’ha avuta un maestro elementare di Borgo Val di Taro (PR), Italo Ravenna.

Ispirato dal John Lennon Educational Bus – il pullman che 23 anni fa viaggiava per le strade degli Usa e permetteva ai giovani di salire a bordo per registrare la propria musica – ha pensato di realizzare qualcosa di analogo per la formazione degli studenti delle Aree interne dell’Appennino parmense e piacentino.

Nasce così il Digital School Bus, un mini-pullman completamente elettrico e attrezzato con strumentazione tecnologica avanzata, che viaggia nelle scuole primarie e secondarie di primo grado dei Comuni delle valli Valtaro, Valceno, Val Nure e Val d’Arda per coinvolgere alunni e docenti in progetti innovativi e digitali, come imparare a far volare un drone, utilizzare visori di realtà aumentata per vivere esperienze tridimensionali virtuali o un robot rover per simulare la perlustrazione della superficie di un pianeta – simile al famoso Perseverance impiegato su Marte –, o una action cam per costruire video d’impatto e innovativi.

Si tratta di un’iniziativa finanziata con 375mila euro di risorse nazionali erogate della Regione nell’ambito del progetto Appennino Smart e Aree Interne Emilia-Romagna.

La tappa inaugurale del viaggio si è svolta oggi alla scuola Primaria di Ponte dell’Olio (PC), istituto capofila del progetto. Presenti il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, i sindaci dei Comuni e i dirigenti scolastici coinvolti e l’ideatore dell’iniziativa, Italo Ravenna.

“Lo ringrazio per la bella intuizione. Con il signor Ravenna, ringrazio anche sindaci, dirigenti scolastici, insegnanti e operatori pubblici che hanno lavorato con lui per realizzarla- sottolinea Bonaccini-. Se oggi un mezzo completamente ecosostenibile inizia a viaggiare e a portare nelle scuole dell’Appennino una misura di formazione al digitale innovativa e originale è grazie alla sensibilità di tutti loro, alla competenza e alla volontà di contribuire alla formazione delle donne e degli uomini di domani”.

“Il Digital School Bus- prosegue il presidente- rappresenta perfettamente la strategia che la Regione ha adottato per lo sviluppo delle Aree interne, che punta, oltre a sostenere occupazione e crescita sostenibile accorciando le distanze territoriali, a contrastare il divario digitale, la dispersione scolastica e a garantire uguali diritti a tutti i cittadini, anche a quelli che vivono in montagna, nelle periferie o in zone poco popolate, senza lasciare indietro nessuno”.

Digital School Bus: formazione digitale contro la dispersione scolastica
Italo Ravenna, maestro elementare ed esperto di media education, è l’educatore digitale che, supportato da tutor, viaggerà a bordo del van durante il tour.

Da qui al 2023, il Digital School Bus coinvolgerà 23 plessi scolastici dei Comuni di Ponte dell’Olio, Bettola, Farini, Ferriere, Morfasso, Lugagnano e Vernasca nell’area piacentina e nei comuni di Borgotaro, Bardi, Compiano, Bedonia per il parmense.

Il mezzo a sette posti è dotato di tecnologie di ultima generazione come visori di realtà aumentata, videocamere a 360°, robot rover, droni, action cam, set luci con green screen per effetti cinematografici, studio audio per web radio e podcast, iPad e strumenti di creatività e accessibilità, per permettere a tutti, anche agli alunni disabili, di partecipare all’iniziativa imparando a utilizzare questi strumenti per la creazione di contenuti digitali.

WhatsApp
Telegram

Eurosofia. Scopri la nuova promozione natalizia: “Calendario dell’avvento”