Emilia Romagna, ok a lezioni di educazione fisica all’aperto. Le regole dell’Usr

Stampa

L’Ordinanza n. 223 emanata in data 27 novembre 2020 dalla Regione Emilia-Romagna prevede che “in attesa di ulteriori e specifiche indicazioni da parte del Comitato Tecnico Scientifico nazionale, nelle scuole del primo ciclo scolastico (primarie e secondarie di primo grado) sono sospese alcune tipologie di
insegnamento a rischio elevato”

In particolare quelle di educazione fisica al chiuso, le lezioni di canto e le lezioni di strumento a fiato.

Si può però proseguire con le lezioni di educazione fisica all’aperto. Con la nota odierna l’Usr ricorda le regole:

  • obbligo di utilizzo della mascherina e mantenimento del distanziamento interpersonale di 1 metro negli spostamenti, durante le fasi di attesa e nel caso di attività di bassa intensità assimilabili al semplice camminare
  • per pratiche di più elevata intensità, riconducibili ad esempio al jogging, footing, trekking, nordic walking, camminata sportiva o comunque attività per le quali ogni docente di Educazione Fisica è in grado di riconoscere come più dispendiose dal punto di vista energetico rispetto alla camminata, si è esentati dall’obbligo di indossare la mascherina purché siano presenti condizioni tali da garantire il rispetto della distanza interpersonale di almeno 2 metri

La nota

Emilia Romagna: tornano le lezioni di educazione fisica a scuola, purché all’aperto. ORDINANZA

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur